Menu 2

Perché Mariastella Gelmini odia Scienze della Comunicazione

Nell’epoca della società dell’informazione, il Ministro dell’Università Mariastella Gelmini va in televisione (Ballarò, RAI3, servizio pubblico) a dichiarare che le Facoltà di Scienze della Comunicazione sono inutili.

Gelmini (in buona compagnia, da Bruno Vespa a Maurizio Sacconi) prende così per l’ennesima volta partito dalla parte di un “fare” tecnico-scientifico sul quale investire (ma la realtà tremontiana è che i tagli sono anche lì) contrapposto ad uno sterile “pensare” delle scienze socio-umanistiche sulle quali considera bene invece disinvestire, nella presunzione che sia auspicabile una società zoppa in grado di reggersi prescindendo da una delle due gambe del sapere. E’ una guerra, quella di Gelmini, dichiarata fin dall’incipit della sua legge che, per la prima volta, espunge dalle funzioni dell’Università quella della trasmissione critica del sapere che perfino Letizia Moratti aveva mantenuto.

Quello che il Ministro trova urticante, e vorrebbe quindi eliminare insieme alle odiate facoltà di Scienze della Comunicazione, è il fatto che migliaia di giovani acquisiscano nell’Università pubblica strumenti per decodificare e quindi difendersi dal monopolio informativo nel quale viviamo, dove la concentrazione editoriale e l’orientamento al profitto dei media è inconciliabile con l’interesse sociale al pluralismo garantito dalla Costituzione repubblicana.

Così proprio nelle Facoltà di Scienze della Comunicazione (che qualunque studioso serio considera un motore del progresso economico e culturale nella nostra era post-industriale) il governo vede invece un pericolo per la propria narrazione sociale, per il proprio latifondo informativo e per l’egemonia sottoculturale incarnata dal gruppo Mediaset e più in generale dal berlusconismo.

Nelle facoltà di Scienze della Comunicazione gli studenti non si preparano solo alle professioni della comunicazione di massa, d’impresa, pubblicitaria. Apprendono a pensare la comunicazione come plurale e partecipativa. Acquisiscono strumenti che permettono loro di inventare nuovi media altri. Studiano per innovare forme, tecniche e contenuti rispetto al format da pensiero unico sul quale si regge il modello. Lavorano per fare comunicazione e informazione con la propria testa e non per compiacere qualcuno.

Nel latifondo mediatico berlusconiano si fa carriera col conformismo, l’omologazione, il servilismo. La colpa dell’Università pubblica (e delle Facoltà di Scienze della Comunicazione che Gelmini vorrebbe eliminare), è di offrire strumenti per stare con la schiena dritta ed insegnare a pensare e comunicare che esistono altre vie.

Gennaro Carotenuto, ricercatore, insegna Storia del giornalismo e dei nuovi media ed è autore di Giornalismo partecipativo. Storia critica dell’informazione al tempo di Internet.

, , , ,

8 Responses to Perché Mariastella Gelmini odia Scienze della Comunicazione

  1. Enrico Marsili 13 gen 2011 at 11:29 #

    Caro Gennaro,
    sono dàccordo con lo spirito del post. La facolta`ideale di scienze della comunicazione che tu descrivi sembra pero`una buona facolta`di sociologia, in cui si insegni a decodificare la realta`e il sistema di poteri e controlli incrociati su cui si regge la societa`.

    In alcuni posti (penso a Roma, ad esempio) la facolta`di SdC e` intasata da studenti in parcheggio, mancano laboratori, cè`un rapporto docenti/studenti troppo alto, etc.

    Dei miglioramenti sono necessari, ma non e`questa riforma ch potra`provvedere.
    Nel lontano `90 il movimento della pantera protestava contro i tagli alle facolta`del pensare (per usare la tua sintesi). Nulla e`cambiato, solo le condizioni si sono ulteriormente deteriorate.

    Riguardo alle facolta`scientifiche (lo dico da ricercatore in biotecnologia), a parte il fatto che i tagli sono gia`arrivati, e da un bel po`(a parte laboratori e universita`di eccellenza, si intende), sai bene che ogni dipartimento o quasi (in buona parte d`Europa) ha assunto un giornalista, o una persona con master in comunicazione scientifica, per comunicare al pubblico, interagire, fare outreach, gestire siti web, etc. E`impensabile oggi fare scienza senza una buona struttura comunicativa.
    Al di la`di qualche master, di scarsa utilita`, a sentire alcuni dei partecipanti, la comunicazione scientifica in Italia e` ancora agli albori, e l`Universita`non ha recepito fino in fondo questa possibilita`di innovazione.

    Saluti,

  2. giovannacosenza 14 gen 2011 at 15:26 #

    Da presidente di un corso di laurea del settore della comunicazione, ecco il mio contributo:

    http://giovannacosenza.wordpress.com/2011/01/14/scienze-della-comunicazione-amenita-contro-dati/

  3. nuccios 7 ott 2012 at 19:10 #

    Le aziende leder per poter fare profitto devono puntare su laureati in economia e laureati in comunicazione e marketing se non vogliono essere ritenute mediocri. La comunicazione pubblicitaria è l’anima del commercio.
    Sono laureato in scienze della comunicazione è mi occupo di pubblicità da vari anni lavorando con aziende leder in vari campi produttivi. Anche in tempo di crisi faccio sempre colloqui ed il lavoro non manca. Guardo i miei amici laureati in Giurisprudenza, scienze politiche, psicologia, scienze della formazione, antropologia, sociologia, paleontologia, scienze turistiche o spettacolo e lettere sono tutti disoccupati.
    Molti confondono la laurea in lettere con quella in scienze delle comunicazioni… A Roma vi sono più laureati in giurisprudenza che in tutta la Francia..
    Le persone non capiscono cosa vuol dire lavorare nel campo delle scienze delle comunicazioni pubblicitarie e marketing perché l’uomo da sempre ha paura di tutto quello che non conosce…

    Secondo il consorzio interuniversitario Almalaurea, nel 2010 i laureati triennali in Scienze della comunicazione, a un anno dalla laurea, non lavoravano meno degli altri, anzi: il 46,5% di loro lavorava, a fronte del 46% dei laureati triennali di tutti i tipi di corsi, e di un 41,8% di laureati triennali usciti dalle facoltà di Lettere e filosofia, a cui in molti atenei appartiene Scienze della comunicazione. Il che vuol dire che nel 2010, in piena crisi economica, i neolaureati in comunicazione lavoravano un po’ più degli altri (uno 0,5% in più) e ben più dei loro colleghi umanisti (4,2 punti percentuali in più).
    Cordiali saluti

Trackbacks/Pingbacks

  1. www.blog-news.it - 13 gen 2011

    Perché Mariastella Gelmini odia Scienze della Comunicazione…

    Quello che il Ministro trova urticante, e vorrebbe quindi eliminare insieme alle odiate facoltà di Scienze della Comunicazione, è il fatto che migliaia di giovani acquisiscano nell’Università pubblica strumenti per decodificare e quindi difendersi dal …

  2. Da “Ballarò” DELL’11 GENNAIO 2011 « Gabriellaraffaele's Weblog - 13 gen 2011

    […] http://www.gennarocarotenuto.it/14812-perche-mariastella-gelmini-odia-scienze-della-comunicazione/ […]

  3. Scienze delle Comunicazioni e altre Amenità | The Brain Machine - 17 gen 2011

    […] maggior parte di studenti universitari. In Italia stanno riformando l’Università, ma forse paura della cultura o meno chi fa le riforme non conosce nemmeno l’argomento di cui parla.Post correlatiResto o […]

  4. Si scredita per paura | Giovanni Calia - 18 gen 2011

    […] Gennaro Carotenuto: Così proprio nelle Facoltà di Scienze della Comunicazione (che qualunque studioso serio […]

  5. dove si pensa l’innovazione… | Armanni Luca Laboratorio – ALL - 20 gen 2011

    […] sia dietro altro. Molto di più. E verrebbe la voglia di sposare la tesi “dietrologica” – di Gennaro Carotenuto Così proprio nelle Facoltà di Scienze della Comunicazione (che qualunque studioso […]

Lascia una risposta

Informativa Cookie

Questo sito usa cookie per poter funzionare. Tra questi:

Per leggere l’informativa completa sulla privacy, clicca qui: Privacy Policy

ATTENZIONE: Se continui la navigazione accetti la Privacy Policy

ACCETTO