Menu 2

Cuba-USA, se Obama cita José Martí e riconosce che non solo loro sono americani

Obama Castro 3

Dopo oltre mezzo secolo di fallimentare politica d’isolamento, come ammette coraggiosamente Barack Obama, le relazioni tra Stati Uniti e Cuba vivono questo 17 dicembre 2014 un nuovo storico inizio. “Per oltre mezzo secolo abbiamo fatto la cosa sbagliata sperando che Cuba collassasse, ma ciò non è accaduto”. Cuba non solo non è collassata ma, come solo gli informatori onesti hanno raccontato, da oltre due lustri ha rotto l’isolamento teso dalla superpotenza del Nord e incrudelito dopo la caduta del muro di Berlino, rendendo quell’embargo inutile e antistorico.

Che piaccia o no, la Rivoluzione cubana è così sopravvissuta non solo al fallimento del socialismo reale ma anche a quello del neoliberismo reale, le atrocità del quale, la fame, la violenza, la dissoluzione di parti fondamentali della convivenza civile date dallo stato sociale, sono state risparmiate in questi decenni al popolo cubano. Il processo che inizia oggi con il ristabilimento delle relazioni diplomatiche, e una lunga serie di misure che comportano una significativa apertura reciproca tra i due paesi, compreso lo scambio di prigionieri che mette fine alla vicenda dei cinque antiterroristi cubani detenuti negli USA, e che prosegue con la battaglia parlamentale per l’eliminazione di un embargo che negli USA è legge dello Stato, è stato reso possibile da una serie di fattori.

Il primo è che la resistenza del popolo cubano in tutti questi anni si è dimostrata essere non ideologica ma rispondente a precise esigenze storiche nazionali. Che piaccia o no, – nonostante in particolare nei primi anni Settanta abbia vissuto periodi opachi – Cuba non è mai stata il gulag tropicale descritto dal modello disinformativo mainstream. In un paese dove circolano liberamente milioni di stranieri non si sopravvive alla crudezza del periodo speciale senza un consenso di massa, che non può essere basato sulla repressione. Questa partita, che doveva concludersi con la capitolazione dell’isola e la sua sottomissione al gigante del Nord, passa invece dal riconoscimento della dignità e della sovranità di Cuba, qualcosa di elementare che da Kennedy a Bush nessun presidente statunitense aveva mai pensato di fare.

Quello che muore definitivamente oggi è dunque l’emendamento Platt, quell’articolo inserito dagli USA nella prima Costituzione dello stato cubano dopo la fine del colonialismo spagnolo, che sanciva che l’indipendenza di Cuba fosse condizionata agli interessi degli USA. Gli USA non hanno riconosciuto le ragioni della Rivoluzione ma oggi si sono dovuti inchinare di fronte alla dignità del popolo cubano che avevano sempre negato in 116 anni di storia. Non dev’essere stato facile per Obama citare José Martí e ammettere che «todos somos americanos» così come Raúl nel chiedere rispetto per Obama comincia a smantellare una parte della retorica rivoluzionaria.

Ciò non significa né la risoluzione dei conflitti tra i due paesi, né il declinare di differenze sostanziali su libertà individuali ed economiche, sulla forma dello Stato e sul concetto di democrazia. In quest’ambito, l’apertura necessaria per Cuba, un paese che continua a vivere in situazione di notevole penuria, è appena all’inizio. Cuba, la Rivoluzione, la società cubana saranno da domani chiamate ad accettare una sfida sulla quale è impossibile fare pronostici: più interscambio economico e culturale, più contatti, più rimesse, più facilità di spostamenti modificano oggettivamente la situazione. Si amplierà un processo che, al di là delle dichiarazioni modificherà nel profondo il modello socialista provando a salvare le conquiste della Rivoluzione. Solo tra qualche anno sarà possibile capire in che direzione e se il saldo sarà positivo. Molti – nei due campi, soprattutto da lontano – possono cominciare a storcere la bocca fin d’ora. Potremmo costruire un dizionario dei termini sui quali cubani e statunitensi non trovano un accordo, da libertà a democrazia a diritti umani. Sapendo che nessuno ha l’esclusiva sulla ragione e sulla verità, da domani potranno finalmente dialogarne.

TODO CAMBIA

Tutto ciò accade in un momento storico nel quale gli USA devono prendere atto che il loro ruolo del mondo e nel Continente è quello di una grande potenza non più onnipotente. Le strutture regionali, da Unasur al Mercosur, hanno oscurato negli ultimi anni la primazia degli USA e il ruolo della OEA. In ogni sede Cuba può contare sull’appoggio di tutti i paesi più importanti della regione, a partire dal Brasile. Prima Hugo Chávez, poi tutti gli altri leader integrazionisti latinoamericani, da Lula a Correa, da Evo a Kirchner a Mujíca, avevano riconosciuto a Fidel Castro e alla Rivoluzione cubana una primogenitura morale che si può ritrovare nella storia delle generazioni che hanno lottato e perduto contro dittature e regimi neoliberali, per vedere riconosciute le loro ragioni solo in questo scorcio di XXI secolo.

Un altro attore diplomatico va citato in questa vicenda. Nel 1998 il viaggio a Cuba di Karol Wojtyla era stato il primo segnale della fine dell’isolamento; Joseph Ratzinger aveva risolto ogni conflitto tra Santa Sede e Cuba; Jorge Bergoglio ha riportato la diplomazia vaticana ad un ruolo centrale nella regione. Paradossalmente la debolezza dell’anatra zoppa Obama ha fatto il resto, rendendo possibile quanto aveva cominciato a preparare già dal 2006 l’ex ministro degli esteri cubano Felipe Pérez Roque, che, forse per il passo eccessivamente veloce, ci rimise la carriera. Per quanto difficile possa essere ora la battaglia parlamentare negli USA per la cancellazione dell’embargo, il cammino appare segnato. Comincia un dialogo difficile ma basato sul riconoscimento dell’altro e della differenza, basato sul rispetto della reciproca sovranità e autodeterminazione. Nostalgici della guerra fredda astenersi.

, ,

5 Responses to Cuba-USA, se Obama cita José Martí e riconosce che non solo loro sono americani

  1. Sandro kensan 17 dic 2014 at 22:14 #

    Allora mi astengo… :)
    Comunque speriamo bene ma io non mi fiderei molto di Obama fino a quando non toglie l’embargo.

  2. Ivan Rosei 18 dic 2014 at 14:10 #

    Io però vorrei far notare la coincidenza di questa storica decisione di Obama che viene presa subito dopo aver perso al maggiornaza del congresso. Se avesse davvero voluto togliere l’embargo avrebbe potuto falo prima, quando la partita si poteva vincere.
    Mi sembra un po’ come voler dire io lo farei, ma non me lo lasciano fare…E al tempo stesso gioca una carta elettoralmente molto importante per le ormai vicine presidenziali del 2016.
    La fine dell’emendamento Platt resta un fatto positivo, non c’è dubbio, ma aspetterei ad esultare.

    Cordialità

  3. ernesto 18 dic 2014 at 16:23 #

    Concordo su tutti i punti da lei espressi ma vorrei porle un’interpretazione diversa, magari troppo cinica o magari ridicola.
    Partendo dal presupposto che pur essendo un passo storico la parte sostanziale di quest’ultimo e cioè la fine dell’embargo deve essere formalmente approvato dal Congresso che è in mano ai repubblicani , mi ponevo la domanda se questa mossa americana non sia una strategia del partito democratico in vista delle elezioni presidenziali.
    Per spiegarmi meglio, in previsione della competizione presidenziale a cui si candiderà Jeb Bush che penso riceverà molti consensi dalla parte ispanica degli Stati Uniti per i suoi legami familiari e di business con questo mondo non potrebbe essere un modo per anticipare i repubblicani nella competizione per questa parte dell’elettorato?
    Inoltre nel caso in cui il congresso (a maggioranza repubblicana) non dovesse eliminare l’embargo che grava su Cuba si potrebbe pensare che i democratici possano usare questa carta proprio per screditare i repubblicani davanti all’elettorato ispanico.
    Lo ripeto sicuramente mi sbaglio, ma tra le varie cause elencate da tanti commentatori non ho sentito citare l’importante ruolo del crescente elettorato ispanico statunitense.
    Volevo sapere lei cosa ne pensa di questa prospettiva.
    Con stima
    EM

    • Gennaro Carotenuto 18 dic 2014 at 19:05 #

      Sono tutti elementi importanti, sulla dinamica elettorale interna statunitense. Per gli elementi in mio possesso (non sono un esperto di USA) sia l’elettorato cubano-statunitense sia le corporazioni che tradizionalmente influenzano le politiche repubblicane non sono affatto così schierate per la prosecuzione dell’embargo. Insomma faccio fatica a dare solo un valore testimoniale agli accordi tra Castro e Obama.

  4. Dorino 9 feb 2015 at 12:21 #

    c’è da chiedersi quale vantaggio otterranno gli Stai Uniti da questa mossa

Lascia una risposta

Informativa Cookie

Questo sito usa cookie per poter funzionare. Tra questi:

Per leggere l’informativa completa sulla privacy, clicca qui: Privacy Policy

ATTENZIONE: Se continui la navigazione accetti la Privacy Policy

ACCETTO