Menu 2

Il Papa argentino. Francesco, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura

bergoglio

 

Jorge Bergoglio, Papa Francesco I, è quello che in Argentina si definisce un “conservatore popolare”, un esponente tipico –e dichiarato- della destra peronista. Sinceramente attento alla povertà, umile a sua volta, ha già rinnovato con successo la chiesa argentina senza modificarne il segno politico conservatore. È l’erede materiale e spirituale di Karol Wojtyla e, per i cardinali che lo hanno eletto in conclave, deve essere apparso una scelta perfetta su più d’uno dei fronti aperti per la chiesa cattolica.
Infatti può essere davvero l’uomo in grado di metter fine ai veleni curiali che secondo lo Spiegel hanno portato al “fallimento” Benedetto XVI. È quello che i giornali stanno indicando come esponente del partito della trasparenza. Lo ha fatto, e bene, in alcuni contesti. Allo stesso tempo rilancia il cattolicesimo in un continente letteralmente assalito dalle chiese protestanti conservatrici. La percezione europea di una chiesa cattolica egemone in America latina è gravemente viziata dalla mancanza di notizie su di un fenomeno che sfiora il 50% dei fedeli in alcuni paesi e figlio della guerra senza quartiere alla teologia della liberazione che ha portato i poveri a cercare una spiegazione altra in un dio meno lontano. Inoltre Bergoglio può rappresentare allo stesso tempo un’alternativa conservatrice ai governi progressisti e integrazionisti latinoamericani dei quali in molti si aspettano che possa diventare un leader alternativo continentale. Per qualcuno –chi scrive non ne è convinto anche se l’idea ha un suo fascino- Bergoglio può stare all’America latina integrazionista come Wojtyla stava all’Europa dell’Est del socialismo reale. Nonostante abbia spesso puntato il dito contro la politica, la corruzione di questa e la disattenzione ai problemi delle periferie, Bergoglio si è scontrato ripetutamente anche coi governi della sinistra peronista di Néstor Kirchner e Cristina Fernández. Gli scontri più duri, ma questo non può sorprendere, sono stati sull’aborto e sul matrimonio egualitario. Le nozze gay per papa Francesco sono «la distruzione del piano di dio».

Infine: Francesco I ha una missione difficile ma chiara ed appare avere la solidità ed esperienza per portarla avanti, ma è sufficientemente anziano -77 anni- per rappresentare un nuovo papato di transizione in termini di durata. Tuttavia Bergoglio viene da lontano e, nonostante non abbia avuto un ruolo apicale nella chiesa argentina complice della dittatura, emerge da quella storia con un passato che potrebbe fiaccarne l’autorità e che è corretto conoscere fuor da demonizzazioni e santificazioni. Per iniziare dalle demonizzazioni: la foto che gira da ore in Internet e che è al momento in apertura sul sito del settimanale messicano Proceso, dove si vede un prelato dare la comunione al dittatore Videla, è un falso: non è Bergoglio. Inoltre, tra le accuse che esamineremo, al contrario di quanto si trova ripetutamente affermato, non ve ne sono che abbiano condotto alla morte di alcuno.

È difficile essere stati un prelato importante in Argentina negli anni ’70 essendo estraneo ad una storia di lacerazioni, drammi, crimini, persecuzioni quale quella della chiesa argentina. Questa, al contrario di quella cilena e quella brasiliana, che poterono vantare più luci che ombre, fu sicuramente la peggiore, complice e spesso perfino mandante tra tutte le chiese cattoliche, dei crimini commessi dalle dittature civico-militari che devastarono l’America latina negli anni ’60 e ‘70. Appena un mese fa fu messa nero su bianco in una sentenza della magistratura la piena complicità della chiesa cattolica, incluso il primate dell’epoca, Cardinal Raúl Primatesta e del nunzio apostolico Pio Laghi, nell’assassinio del vescovo Enrique Angelelli e dei sacerdoti Carlos de Dios Murias e Gabriel Longueville. La sentenza confermava quanto si sapeva da mille testimonianze e documenti. All’interno del genocidio la chiesa cattolica argentina non fu solo complice ma i suoi vertici operarono una sorta di sterminio interno facendo eliminare preti e suore vicini all’opzione preferenziale per i poveri decisa nella Conferenza Eucaristica di Medellin del 1968 o semplicemente scomodi. Furono almeno 125 i sacerdoti impegnati a fianco degli ultimi a morire o essere fatti sparire. Molti di quelli che persero la vita furono indicati ai carnefici dalle stesse gerarchie cattoliche, Tortolo, Primatesta, Aramburu, che collaborarono attivamente sia ai crimini che al successivo occultamento.

Stiamo parlando di un crinale difficile tra la complicità e la morte ed è in quest’ambito che azioni ed omissioni vanno misurate. L’ordine di appartenenza di Papa Francesco I, quello gesuita, resta al margine della complicità con la dittatura dei 30.000 desaparecidos e della guerra intestina nella stessa chiesa. Tuttavia non sono poche le accuse che colpiscono l’oggi papa argentino per quei sei anni da provinciale gesuita dal 1973 al 1979. Quella più grave e circostanziata gli viene mossa in particolare da Horacio Verbitsky, l’autore di “El Vuelo”, il primo libro che denunciava i voli della morte, sempre scrupoloso nelle sue denunce, e oggi presidente del CELS, la più importante istituzione in difesa dei diritti umani del paese, è l’aver privato di protezione alcuni giovani parroci del suo ordine, troppo esposti nel lavoro sociale con i più poveri. Due di loro furono sequestrati per cinque mesi. Uno di questi, Orlando Yorio, denunciò a Verbitsky di essere stato consegnato da Bergoglio allo stesso Massera e sono molte le testimonianze sull’amicizia tra il nuovo papa e l’Ammiraglio piduista: «Bergoglio se ne lavò le mani. Non pensava che uscissi vivo». Per Emilio Mignone, una delle più cristalline figure di difensore dei diritti umani in Argentina, che conferma i dettagli della denuncia di Verbitsky, e autore di uno dei testi tuttora fondamentali su chiesa e dittatura, Bergoglio «è uno di quei pastori che hanno consegnato le loro pecorelle». Le accuse di Verbitsky sono confermate anche da Olga Wornat, il lavoro della quale è in genere suffragato da un numero enorme di testimonianze.

Dopo la dittatura, anche negli ultimi anni, Bergoglio fu chiamato a testimoniare in molteplici circostanze in inchieste e processi per violazioni di diritti umani. Non ha mai parlato. Chi scrive ha personalmente verificato in queste ore il suo silenzio con il PM che indagava sul sequestro di una giovane incinta. Se quelli indicati sono precedenti che ne fanno un complice pieno della dittatura sta al lettore deciderlo. A chi scrive il puntare il dito sembra troppo e l’assoluzione troppo poco. Bergoglio non fu né un Aramburu né un Von Wernich ma neanche un padre Mujíca, uno dei sacerdoti assassinati. Sta in una zona grigia, un quarantenne in ascesa, con un ruolo importante ma non ancora di spicco, in una chiesa argentina dove si mandava ad uccidere o si rischiava di essere uccisi.

Bergoglio era dal 1973 provinciale dei gesuiti. In un ordine tradizionalmente progressista, e condotto da Padre Arrupe, il papa nero che nei primi anni ‘80 si scontrava e veniva ridotto all’impotenza da Giovanni Paolo II, è Bergoglio ad essere emarginato dai suoi. Per Luís “Perico” Pérez Aguirre, prestigioso gesuita uruguayano, fondatore del SERPAJ e consigliere dell’ONU in materia di diritti umani, che chi scrive ha avuto occasione di conoscere e ammirare, prima della morte nel 2000, in una testimonianza raccolta da Olga Wornat: «Bergoglio [che si era da tempo votato ad una relazione di obbedienza asosluta a Karol Wojtyla] stravolse completamente il segno della Compagnia da progressista in conservatrice e retrograda. Ho rotto ogni rapporto con lui, soprattutto rispetto al suo agire durante la dittatura».

Il cambiamento sarà strutturale, nella retrograda Chiesa argentina la Compagnia non fa più eccezione. Lui però guarda oltre ed è al di fuori del suo ordine che saprà tornare in pista. Formalmente ancora gesuita, dal 1979 in avanti si muoverà al di fuori. Della sua carriera Bergoglio deve molto al successore di Primatesta, Antonio Quarracino. Differente da Primatesta, e con un lontano passato progressista concluso già alla fine degli anni ’60, Quarracino era tutt’altro che un santo. L’ostentazione della ricchezza, basta pensare ad Aramburu, è un altro tratto delle gerarchie argentine dal quale il nuovo papa è completamente esente. Scegliere come ausiliare Bergoglio, quel vescovo semplice e irreprensibile, era per Quarracino una maniera di coprirsi il fianco da tante critiche.

Non si comprometteva Bergoglio con le feste che frequentava il Cardinal Quarracino nella casa di Olivos e dove s’intratteneva come un Apicella qualsiasi suonando la chitarra per Carlos Menem. Erano altri anni oscuri per l’Argentina, quelli del menemismo. Molte cose distanziavano i due prelati. Il primate aveva interessi mondani, l’ausiliare faceva il vescovo, centrando la propria missione nella formazione del clero e nell’attenzione al popolo delle villa miseria che circondano tutt’ora il gran Buenos Aires. Bergoglio seppe mantenere con Quarracino relazioni cordiali ma distanti. Forse era l’unica maniera di tener fede sia ai voti di castità e povertà che a quello di obbedienza.

Fu in questa relazione tra due prelati così diversi che Bergoglio si costruì un ruolo di punto di riferimento per una nuova generazione di sacerdoti argentini anche quando, primo gesuita della storia, succederà a questo nel 1998. Sulle sue spalle cadrà di nuovo il peso di riscattare una chiesa cattolica dal passato tenebroso. Emergeranno però anche le caratteristiche che oggi lo portano al soglio pontificio: la mano di ferro con la quale ha condotto la chiesa argentina (e che ne fa uno spauracchio ora per la curia romana), la marcata preoccupazione sociale, la critica alla politica. Soprattutto Bergoglio –ed è un punto di forza rilevante- risulta straordinariamente interessato alla vita del suo clero. Si preoccupa per le necessità materiali, è presente, è vicino e accessibile. Perfino Clelia Luro (testimonianza a chi scrive), la terribile compagna del vescovo Jerónimo Podestá, salva solo Bergoglio di tutto il clero argentino che aveva isolato il prelato che aveva deciso di combattere la battaglia per la fine del celibato. Bergoglio, nonostante non condividesse la decisione del vescovo, che fu infine ridotto allo stato laicale, gli rimase vicino umanamente fino alla fine.

Il passato ritorna però e il profilo di Bergoglio resta basso. Tenta di difendere se stesso e la chiesa argentina. In particolare per quest’ultima c’è poco da difendere. Primatesta e Aramburu avevano eretto un muro di inaccessibilità ai familiari delle vittime che neanche in chiesa –al contrario di quanto era successo con la Vicaría della Solidaridad a Santiago del Cile- avevano trovato sicurezza. Una macchia indelebile che continua a distanziare molti fedeli dalla Chiesa cattolica. Lui ha scelto di denunciare in maniera generica e spesso netta i peccati (con una posizione non lontana dalla teoria dei due demoni) ma di salvare i peccatori, sia quando è stato chiamato a testimoniare in tribunale, sia quando ha scritto o ha preso decisioni politiche. Quando nel 2007 fu chiamato a prendere provvedimenti nei  confronti di Christian Von Wernich, il sacerdote condannato all’ergastolo per avere sequestrato personalmente 42 persone, assassinate 7 e torturate 32, espresse parole forti ma non comminò alcuna sanzione come tutto il mondo democratico e dei diritti umani chiedeva. Von Wernich sta oggi scontando l’ergastolo ma è a tutti gli effetti un sacerdote e nessun provvedimento disciplinare è stato preso nei confronti del carnefice che le vittime descrivono come un vero demonio.

Ma chi è davvero Jorge Bergoglio, Papa Francesco I che comincia il suo cammino di Vescovo di Roma con un passato così pesante? Integralista di destra mette i poveri al centro del suo apostolato. Vicino alla dittatura militare rende omaggio ai sacerdoti assassinati da questi ultimi. Ha fatto una carriera tutta controcorrente, conservatore in un ordine considerato progressista, primo gesuita primate argentino, primo gesuita papa, primo papa latinoamericano. Nemico dei progressisti e di tutti i politici (li detesta e non lo manda a dire, quasi grillino in questo) e lontano dagli organismi per i diritti umani, esige dallo Stato educazione cattolica ed è contrario ai contraccettivi, ma nessuno può accusarlo di non onorare i propri voti, in particolare quello di povertà. Chi scrive sconsiglia di incastrarlo nella figura a lui aliena di sacerdote proveniente da una “chiesa giovane” e varie altre semplificazioni giornalistiche che domattina troveremo. Viene da una chiesa strutturata e complessa e da una realtà metropolitana dura. L’associazione con Medellin poi è del tutto fuori luogo. L’attenzione di Bergoglio per i poveri è di stampo infaticabilmente caritatevole, mai politico. Tuttavia bisogna rifuggere anche l’interpretazione tenebrosa del complice della dittatura tout court, come quella di una papa scelto per fermare il cambiamento in America. Nonostante sia una figura ben diversa da quella di Ratzinger, è un papa con tratti di forte continuità soprattutto con Karol Wojtyla. Questo combatté e vinse la battaglia con la teologia della liberazione senza comprendere le ragioni di questa, per perdere poi quella con le chiese protestanti. È lì che va atteso fin dal prossimo viaggio in Brasile il nuovo papa.

A Buenos Aires, dicono gli amici ma senza che alcun detrattore lo contesti, sparisce ogni volta che può per infilarsi in orfanotrofi, carceri, ospedali a compiere il suo apostolato. Chissà se potrà farlo anche a Roma.

, , ,

31 Responses to Il Papa argentino. Francesco, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura

  1. lm 14 mar 2013 at 18:44 #

    Un articolo molto equilibrato. Tuttavia io credo che in tempi come quelli della dittatura il silenzio sia di per se una grave colpa. All’epoca ci furono uomini di chiesa come monsignor Enrique Angelelli che pagarono con la vita il loro impegno in favore della democrazia. Il nuovo papa da che parte stava all’epoca?

  2. carlo.es 14 mar 2013 at 23:30 #

    C’è la possibilità che questo articolo sia pubblicato anche in spagnolo?
    Grazie
    Ciao

  3. Gibo 15 mar 2013 at 01:14 #

    A parte il silenzio, durante gli anni della dittatura, quello che proprio non mi va è il fatto che per i due gesuiti che andavano nelle baraccopoli ad aiutare la gente,insegnar loro a leggere e a scrivere, si è dato parecchio da fare per togliere loro l’autorizzazione a celebrare messe, mentre per i vari Von Wernich e simili, questo non l’ha fatto….evidentemente significa che come colpa, quella dei due gesuiti,ritiene fosse ben peggiore….
    Per non parlare di tutti i preti, vescovi, ecc che si son macchiati di reati infami come la pedofilia….non so a quanti di loro è stato tolta l’autorizzazione a celebrare messe, confessioni, ecc…

    Come ha ricordato giustamente qualcuno, mentre in Cile, durante la dittatura,il cardinale Raúl Silva Henríquez instancabilmente “combattè” in difesa della salvaguardia dei diritti umani, scontrandosi contro il regime, e fondando la Vicaria de la Solidariedad, in Argentina Bergoglio taceva e si premurava di far togliere l’autorizzazione a celebrare messe…

    Due modi diversi di “vivere” sotto una dittatura.

  4. Hyu 8 ago 2014 at 09:26 #

    mis viejos fuoern guardianes, de los q les aplicaron la ley de seguridad interior, y de los pocos q nunca fuoern a buscar indemnizacif2n. el otro deca me contaba q se sorprende por la revaloracif2n de guardia con lo del papa. pregunto: sere0 porq quieren confrontar el peronismo posta q ellos representan con la “montonera”?PD: mi vieja es mas k q yo.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Francesco, un papa tra social e crisi - Gazzetta Commerciale - 14 mar 2013

    […] LUCI E OMBRE SUL PASSATO […]

  2. “Finis Mundi”, finimondo. “Mi sono venuti a prendere alla fine del mondo”. FED, Videla, Tenco e il I° Papa gesuita | Escogitur.it - 14 mar 2013

    […] Carotenuto Fonte: http://www.gennarocarotenuto.it Link: http://www.gennarocarotenuto.it/22713-il-papa-argentino-francesco-i-il-conservatore-popolare-nei-tor… […]

  3. Il papa argentino | Jàdawin di Atheia - 14 mar 2013

    […] sito Giornalismo partecipativo di Gennaro Carotenuto, 14 marzo 2013 […]

  4. Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura | cambiailmondo - 14 mar 2013

    […] Fonte: http://www.gennarocarotenuto.it/22713-il-papa-argentino-francesco-i-il-conservatore-popolare-nei-tor…. […]

  5. Non è Francesco at Mauro Biani [punto] it - 14 mar 2013

    […] e il Cardinal Martini che (riporta Il Fatto Quotidiano) lo preferiva a Ratzinger. A leggere anche l’ottimo pezzo di Gennaro Carotenuto. Giornata Argentina e piena di contraddizioni. Proprio l’altroieri Hebe […]

  6. Lingi-culus | Bolognesu: in sardu - 14 mar 2013

    […] s’America est sa chi est. Chini est custu papa nou? De siguru non est unu revolutzionariu: Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura e non est ni-mancu lichidu meda. Duncas, po immoi tocat a castiai a su chi fait, a su postu de si […]

  7. Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura | Il Portale di MediasanOnline.com - 14 mar 2013

    […] “ Leggi l’Articolo Source: […]

  8. Bergoglio doveva farsi chiamare Rafael, non Francisco! | Esco da Facebook e torno in Internet - 14 mar 2013

    […] http://www.blogo.it/news/cronaca/redazione/15483/il-controverso-passato-di-papa-francesco/ http://www.gennarocarotenuto.it/22713-il-papa-argentino-francesco-i-il-conservatore-popolare-nei-tor… […]

  9. Lo Scoop: il Papa non è un figlio dei fiori! – Al di là del Buco - 14 mar 2013

    […] al Papa dice alcune cose che forse possono essere utili alla riflessione collettiva. Ho letto un buon pezzo scritto da chi si occupa di Argentina e quello di Michela ci fa vedere aspetti dei quali almeno io […]

  10. Su Papa Francesco, record per www.gennarocarotenuto.it : Gennaro Carotenuto – Giornalismo partecipativo - 15 mar 2013

    […] su Papa Francesco ha rappresentato il record storico per questo sito. Direttamente vi sono state circa 45.000 letture […]

  11. Papa Francisco e il fantasma di Oscar Arnulfo « MenteCritica - 15 mar 2013

    […] scrive Gennaro Carotenuto, nel finora più obiettivo ed esaustivo articolo che ho letto sul nuovo papa, il card. Bergoglio fu […]

  12. Bergoglio, un “conservatore popolare” | oltrelemurablog - 15 mar 2013

    […] http://www.gennarocarotenuto.it/22713-il-papa-argentino-francesco-i-il-conservatore-popolare-nei-tor… […]

  13. IMPORTANTE: sulle responsabilità di Bergoglio il premio Nobel Pérez Esquivel smentisce se stesso : Gennaro Carotenuto – Giornalismo partecipativo - 15 mar 2013

    […] Leggi anche: Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura […]

  14. “Disorder. Disorder. Disorder!” | ... - 15 mar 2013

    […] “Quando Bergoglio ballava il tango”, le ombre inquietanti del suo passato (ma anche questo), il fatto che ha avversato l’apertura del matrimonio agli omosessuali in Argentina. Non so, […]

  15. Considerazioni finali sul caso Bergoglio/Verbitsky/Esquivel : Gennaro Carotenuto – Giornalismo partecipativo - 16 mar 2013

    […] sostenuto dall’inizio: se la Chiesa argentina nel suo insieme non può non essere condannata, non può bastare un singolo […]

  16. Francesco I e la movida del diavolo | Maurice lgbtq - 16 mar 2013

    […] Città del Vaticano? per un’analisi documentata della figura e del contesto rimandiano al blog di Gennaro Carotenuto, sempre imprescindibile sui temi dell’America Latina (e non […]

  17. Bergoglio, Verbitsky, Ersatz | Bloom! - 17 mar 2013

    […] Ad esempio, nel caso in questione, mi trovo vicino all’opinione di Gennaro Carotenuto. Vi invito a guardare i suoi post di questi giorni. Ma non delego a Carotenuto le mie opinioni. E’ del tutto inutile il lavoro dei blogger che si […]

  18. Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore nei torbidi della dittatura | Informare per Resistere - 17 mar 2013

    […] – Gennaro Carotenuto – da Giornalismo Partecipativo […]

  19. Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore nei torbidi della dittatura | FiascoJob Blog - 17 mar 2013

    […] – Gennaro Carotenuto – da Giornalismo Partecipativo […]

  20. Considerazioni finali sul caso Bergoglio/Verbitsky/Esquivel | Informare per Resistere - 18 mar 2013

    […] uccidere o assolvere con la loro partecipazione chi torturava e uccideva.  Ho sostenuto dall’inizio: se la Chiesa argentina nel suo insieme non può non essere condannata, non può bastare un singolo […]

  21. Le Pape argentin. François Ier, le conservateur populaire dans les eaux troubles de la dictature. - 18 mar 2013

    […] Pour consulter l’original: suivre ce lien. […]

  22. Considerazioni finali sul caso Bergoglio/Verbitsky/Esquivel | FiascoJob Blog - 18 mar 2013

    […] uccidere o assolvere con la loro partecipazione chi torturava e uccideva.  Ho sostenuto dall’inizio: se la Chiesa argentina nel suo insieme non può non essere condannata, non può bastare un singolo […]

  23. Le Pape argentin. François Ier, le conservateur populaire dans les eaux troubles de la dictature : Gennaro Carotenuto – Giornalismo partecipativo - 18 mar 2013

    […] Pour consulter l’original: suivre ce lien. […]

  24. about Bergoglio | nadur.net - No Borders No Nations - 20 mar 2013

    […] Link: http://www.gennarocarotenuto.it/22713-il-papa-argentino-francesco-i-il-conservatore-popolare-nei-tor… […]

  25. spazio lib-lab » Papa Francesco: quale cambiamento? - 23 mar 2013

    […] Per una sintesi accurata ed equilibrata si veda: Gennaro Carotenuto, “Il Papa argentino. Francesco I, il conservatore popolare nei torbidi della dittatura” su http://www.gennarocarotenuto.it, […]

  26. “Ecco le carte che condannano il Papa” | Rete L'ABUSO Onlus - 6 giu 2014

    […] sostenuto dall’inizio: se la Chiesa argentina nel suo insieme non può non essere condannata, non può bastare un singolo […]

Lascia una risposta

Informativa Cookie

Questo sito usa cookie per poter funzionare. Tra questi:

Per leggere l’informativa completa sulla privacy, clicca qui: Privacy Policy

ATTENZIONE: Se continui la navigazione accetti la Privacy Policy

ACCETTO