Menu 2

Il berlusconismo darà la salute agli infermi

Frida, el marxismo Uno dei passaggi più raccapriccianti del comizio di Silvio Berlusconi di sabato a Roma, oltre alla menzogna dell’Europa che senza Berlusconi avrebbe liberalizzato la pedofilia (sic) detta e ripetuta da Umberto Bossi, è stato il promettere la cura del cancro. Chi era in piazza descrive la brava gente presente a San Giovanni come un po’ imbarazzata da alcuni passaggi dello show del capo del governo. Mi piace pensare che sia vero in particolare per tale punto.

Nel promettere qualunque cosa le persone volessero sentirsi dire, dai cento milioni di alberi al dimezzamento delle tasse, pochi commentatori si sono soffermati sul passaggio della promessa di curare il cancro fatta dal “presidente oncologo” o, meglio, dal “presidente padrepio”. Peccato, perché il passaggio sul cancro avrebbe meritato i titoli dei quotidiani che invece sono stati catturati da un mero problema matematico sul numero dei presenti.

Forse davvero nessuno prende più sul serio le cose che Berlusconi dice. Forse perché davvero l’unica promessa che i berlusconiani (gli italiani) vogliono veder garantita, e Berlusconi è capace indubbiamente di mantenere, è quella del potersi fare i fatti propri. E’ così che dev’essere interpretata la promessa di dimezzare le tasse. La libertà “fai da te” di evadere, garantita per legge dai condoni. Quindi non importa davvero che Berlusconi dimezzi le tasse quanto che permetta di autodimezzarle. Fin qui è tutto chiaro, ma il cancro?

Dalla “cura Di Bella” (pannicello caldo che ha causato molti morti ma cavallo di battaglia per anni della destra) alla “cura Berlusconi” senza mai passare dai luoghi deputati, i laboratori, le biblioteche, le aule, c’è il senso di una società cinica (o stupida) oramai indifferente ai grandi temi, agli ideali, al darsi obbiettivi elevati e altri rispetto al ciclo produzione/consumo, eppure comprensibili a tutti. Berlusconi ha fatto cinicamente appello alla disperazione dei malati e dei loro cari per raccattare qualche voto offrendo una speranza a basso costo oppure l’ha semplicemente buttata lì, una balla come un’altra, magari compiacendosene come quando racconta barzellette sconce agli altri capi di governo?

Purtroppo quanto afferma il capo di governo di un paese di 60 milioni di abitanti va preso sul serio. Soprattutto in uno dei paesi dell’OCSE che meno investe in ricerca scientifica e dove sta per passare una controriforma universitaria (bipartisan). Questa porterà alla chiusura materiale di molte sedi e ad una nuova ondata della cosiddetta “fuga dei cervelli”. Quindi solo un miracolo può permettere alla ricerca italiana di avere i mezzi per contribuire a combattere il cancro. Non è neanche sperabile che la gente dabbene che era sabato al Festivalbar di San Giovanni avesse voglia di riflettere su tali temi. L’ossessione liberista vede nelle università pubbliche proprio un cancro da estirpare, fonte di corruzione e fannullonismo. E’ però da escludere che l’interpretazione autentica delle parole di Berlusconi si riferisse a ciò. Se uno si esprime in un italiano da 150 parole in totale poi non può infarcire il discorso di allusioni (se non pecorecce), metafore, concetti complessi. Quindi proprio al cancro si riferiva. Berlusconi, in un comizio nella campagna elettorale per le amministrative 2010, ha proprio promesso che curerà il cancro. Lo devo compitare per crederci.

La promessa di Silvio Berlusconi mi ha ricordato il dipinto celeberrimo di Frida Khalo, “il marxismo darà la salute agli infermi”. Frida credeva fideisticamente che la Rivoluzione avrebbe dato gli strumenti per lenire la sofferenza umana che lei identificava nel suo stesso corpo malato. Adesso nessuno crede più a niente e Berlusconi può permettersi di promettere la cura del cancro senza che nessuno gli dia importanza né per credergli né per chiedergli il conto politico di tale affermazione. Davanti ai nostri occhi, dobbiamo ammetterlo, la storia si sta ripetendo in farsa.

, , , , , , , , , , , ,

One Response to Il berlusconismo darà la salute agli infermi

  1. cosimo 23 Mar 2010 at 17:48 #

    Solo un appunto che non mi quadra. Lei ha citato la “cura Di Bella” (pannicello caldo che ha causato molti morti ma cavallo di battaglia per anni della destra), io le posso dire che ho 43 anni, 14 mesi fa sono stato colpito da un tumore allo stomaco con metastasi avanzate anche ad altri organi interni (fegato e pancreas). La medicina ufficiale mi aveva dato speranze ridotte al minimo, prescritto chemioterapia e basta che ho rifiutato. Mi sono “rifugiato” nel “pannicello caldo” della cura Di Bella e a distanza di 14 mesi il mio stato di salute è migliorato, le metastasi si sono ridotte e conduco, nonostante sia una cura che comporti molti sacrifici, primo fra tutti quello economico (non essendo riconosciuta ufficialmente mi costa circa 3000 euro al mese e ne guadagno 1600), una vita alquanto normale. Per cui, nonostante il mio apprezzamento per i suoi articoli che leggo da 2 anni, le dico che stavolta ha toppato alla grande.

Lascia un commento