Menu 2

Ddl sicurezza: il confine fra civiltà e barbarie

Roma, 1 lug. (Adnkronos) – Il governo ha posto la questione di fiducia sul ddl sicurezza all’esame del Senato.
Lo ha annunciato in aula a Palazzo Madama il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito.
”La Camera ha approvato poche e limitate modifiche al testo licenziato dal Senato e pertanto il governo -ha spiegato Vito- ritiene opportuno a questo punto giungere alla definitiva approvazione del testo”.
Il voto di fiducia riguarda ciascuno dei tre articoli del provvedimento nel testo approvato a Montecitorio.
Due articoli saranno approvati oggi nel tardo pomeriggio, mentre domani mattina e’ previsto il terzo voto di fiducia. Dalle 12 di domani le dichiarazioni di voto e alle 13 il voto finale sul provvedimento
SICUREZZA: GOVERNO PONE QUESTIONE FIDUCIA SU DDL – Adnkronos Politica

Con questo annuncio, largamente scontato, viene superato il confine tra civiltà e barbarie , tra poco più di un ora sarò a manifestare sotto il senato, sarà una manifestazione non rassegnata ma sicuramente triste.

Triste per  coloro che credono in una società diversa, solidale, equa ed accogliente.

Ma anche uno schiaffo per il ruolo del parlamento e per quelle forze che, anche facendo scelte politiche di destra, credono ancora in alcuni valori umani, sia per coerente laicità (penso a Gianfranco Fini), sia come portato dei valori cristiani.

Noi in piazza vorremmo ben altro di quello che Fini o il Papa hanno ricordato e che non sto qui a ripetere  …

ma così, con questa fiducia richiesta da questo orrendo governo, anche quel minimo di civiltà giuridica e di valori cristiani che caratterizzavano il paese, quel residuo di democrazia che era  nel ruolo del parlamento, se ne va a quel paese.

E’ un brutto giorno … molto brutto … ma io non mi arrendo, noi non ci arrendiamo alla barbarie.

, , , ,