Menu 2

Tribunale Russel per i crimini a Gaza

Basta con l'impunità

Con buona pace di chi pensa che Israele abbia sempre ragione, sta prendendo forma il Tribunale Russel, che dovrà giudicare i crimini di guerra israeliani nei confronti della Palestina (e valutare il comportamento di quegli Stati, anche europei, che appoggiano ciecamente e rendono possibili le politiche di guerra di Tel Aviv). Ne dà notizia Luisa Morgantini, vicepresidente del Parlamento europeo, secondo la quale si tratterà di «una giuria composta da personalità di provate competenze e statura morale», che «si riunirà in 2 o 3 sessioni in diverse città a inizio 2010, ascolterà testimoni e analizzerà prove relative al conflitto israelo-palestinese, e infine emetterà le proprie sentenze». Naturalmente, si tratterà «di sentenze morali, che avranno come obiettivo quello di mettere la comunità internazionale di fronte alle proprie responsabilità; l’obiettivo infatti non è solo quello di investigare i crimini di Israele, ma anche e soprattutto di verificare la complicità esplicita o implicita degli altri stati, compresi ovviamente quelli europei». Per garantire il funzionamento di questo tribunale sono previsti «comitati nazionali di sostegno al tribunale in vari paesi del mondo». «Anche in Italia dovrà nascere il comitato, mi sono impegnata per la sua costituzione  e mi auguro che la Fondazione Internazionale Lelio Basso e i giuristi democratici possano impegnarsi. Vi farò sapere ulteriori sviluppi anche per un incontro per poi lanciare il Tribunale Russell in Italia. Intanto organizzazioni o singoli che sono interessati ad impegnarsi per il comitato nazionale di sostegno possono comunicarlo alla mia mail []».

Leggi tutto l’articolo sul sito

Perlapace.


Hai un blog? Partecipa alla catena «Talk force for Palestina»
Talk force for Palestina

[fonte: Mario Badino]

, , , , , ,