Menu 2

Piombo fuso di Tzipi Livni

Non c’è da farsi illusioni. Il 77° Cavalleggeri non interverrà. Non ci sono winchester e giacche blu, non si ascoltano squilli di trombe finali e il bene non prenderà il posto del male che trionfa, tirandosi fuori da nuvole di polvere. Piombo fuso, firmato da Tzipi Livni, non è un film e non riserva colpi di scena: è un oltraggio al pudore, un’oscenità inaccettabile, un programma di annientamento dei diritti umani realizzato dal governo d’un popolo che per i diritti umani, primo e più di tutti, dovrebbe lottare.Piombo fuso è uno schiaffo della barbarie all’agonia della civiltà; è fosforo per tritacarne, esperimento su cavie umane, fabbrica di amputati e ciechi, fucina d’odio per un futuro da storpi, da terroristi e da terrorizzati.
Piombo fuso è la condanna capitale dei sentimenti d’umanità, la verità messa al rogo, un’allucinazione per cui l’agnello diventa lupo, la guerra un effetto collaterale e il racconto biblico si capovolge: non tavole della legge diede Iddio a Mosè, ma la tracotanza di senza dio che non riconoscono legge.
E, tuttavia, per quel tanto di buono che anche un male infinito alla fine produce, occorre crederci: quando, rinate alla luce, generazioni di storici ricostruiranno le tappe del nostro ritorno alla barbarie, i gazzettieri del potere non troveranno credito. Nessuno racconterà che i “terroristi” di Hamas si fecero scudo dei civili, sicché gli eroici combattenti della stella di Davide non ebbero altra scelta che sparare ai bambini, alle scuole e agli ospedali. Racconteranno ciò che oggi si tace: che mentre Chavez espelleva l’ambasciatore di Israele per la premeditata ferocia di Gaza, l’Europa sonnolenta non vedeva e non voleva vedere, come non vide e non sentì ai tempi del tragico imbianchino bavarese a Norimberga.

Per la conclusione dell’articolo cliccare su Fuoriergistro

, , , , , , ,