Menu 2

Il Brasile chiede piú pressione degli USA contro il golpe in Honduras

FERNANDO EXMAN, Reuters, Brasília, 05/08/2009 – 08h54

Il governo brasiliano, ieri 04/08/09, ha richiesto maggiore fermezza degli USA negli sforzi per restituire il potere al presidente deposto dell´Honduras, Manuel Zelaya, ha affermato l´assessore della Presidenza della Repubblica del Brasile per gli assunti internazionali, Marco Aurélio Garcia.

Garcia ha detto che l´argomento ha fatto parte della conversazione che ha avuto con il consigliere alla Sicurezza Nazionale degli USA, Generale James Jones.

[…]

“Noi ci aspettiamo una attitudine piú severa della comunitá internazionale, incluso il governo degli USA” ha affermato l´assessore del presidente Luiz Inácio Lula da Silva dopo la riunione. “Aspettiamo segnali piú chiari da tutti i paesi perché non rimanga nessun dubbio sulla posizione adottata in relazione al golpe di stato”, ha aggiunto.

Invitato dal governo brasiliano, Zelaya deve sbarcare in Brasilia il 12 di agosto.

“Noi non vogliamo immaginare neppure la possibilitá che il governo di Micheletti possa organizzare le elezioni”, ha distaccato Garcia.

[…]

Con la visita di Zelaya, il Brasile tenta di evitare che la pressione contro il colpo di stato realizzato in Honduras perda spazio nell´agenda politica della regione. Finora, il governo brasiliano stava avendo una attuazione piú discreta.

Il presidente deposto ha visitato ieri il Messico e ha ricevuto appoggio e la promessa di disimpegnare un ruolo maggiore nella mediazione condotta dal Costa Rica per risolvere la crisi in Honduras. Zelaya é stato ricevuto con tutti gli onori dal suo omologo Felipe Calderón.

[…]

Fonte: http://www1.folha.uol.com.br/folha/mundo/ult94u605210.shtml
Traduzione: Alessandro Vigilante

, , , , , , ,