Menu 2

Val di Susa: torna la porcata della legge obiettivo… prepariamoci a nuovi scontri!

Con richiesta di diffusione… visto che i Media (tanto per cambiare) non ne parlano
A SARA DURA!!
Fabio

Ricevo dal comitato notavtorino

La situazione è piuttosto preoccupante vista l’accelerata che è stata data alla realizzazione del tav ormai data per scontata senza possibilità di se o di ma, pur in assenza di studi sui costi benefici, di un progetto di tracciato definitivo e ancora più grave di uno studio di sostenibilità ambientale per una valle alpina come la nostra così densamente abitata e già piena di infrastrutture. in più non ci sono soldi per cui si ritornerà alle LEGGE OBIETTIVO che consente di avviare grandi opere per singoli lotti anche senza soldi e senza ovviamente tenere conto delle realtà locali e delle autorità comunali che vengono di fatto esautorate da qualunque potere.
In più per il nodo di Torino e il miglioramento del trasporto pendolare, a fronte dei trecento milioni promessi, ce ne sono in campo 500 mila e per il famoso "piano strategico" ( che il Ministro ha più volte chiamato compensazioni!…è l’unica cosa non ambigua che ha detto!) al momento non c’è un quattrino. In altre parole si dà avvio ad un’opera di quelle dimensioni senza soldi, senza studi di fattibilità e convenienza economica, senza studi di sostenibilità ambientale. A tanto è arrivata la programmazione e la lungimiranza di chi ci governa. Per queste ragioni ci siamo riuniti ad Avigliana un folto numwero di amministratori e si è deciso di muoverci con urgenza e di produrre il comunicato stampa che potete leggere al fondo di questa mail. Ognuno nel su piccolo riparta con l’informazione a tappeto e capillare delle persone con cui ha contati anche al di fuori della Valle, anche l’accerchiamento mediatico va superato spingendoci per quanto possibile anche al di fuori della Valle.

TAV:Incontro con il Ministro Altero Matteoli

A seguito dell’incontro avvenuto Giovedì trenta Luglio presso la Prefettura di Torino con Il Ministro Matteoli,l’Architetto Virano, il Presidente della Provincia Saitta e della Regione Bresso, alla presenza del Prefetto, durante il quale è stato annunciato l’imminente avvioe dei lavori per il TAV a partire da Settembre/Ottobre con i sondaggi e da gennaio 2010 con il tunnel geognostico per il tunnel di base da 54 chilometri, poichè non uno degli accordi presi è stato rispettato e poichè ad oggi non esiste una analisi dei costi/benefici che giustifichi un impegno di spesa di quelle dimensioni a scapito di investimenti ben più urgenti per la Giustizia, la Ricerca, la Scuola, la sanità e i trasporti stessi per i poendolari, tenuto conto che la Corte dei Conti ha già bocciato la tav fino ad ora realizzata in Italia perchè fatta senza studi economici di redditività seri e che ci indebiterà tutti quanti fino al 2060!,tenuto conto che i cantieri ci devasteranno per almeno 15 o venti anni rendendo scadente e in molti casi impossibile una vita dignitosa nelle nostre case che saranno deprezzate fino ad essere anche invendibili, tenuto conto che anche dei promessi soldi per il pieno strategico di opere di compensazione per la Valle in realtà a tut’oggi non c’è il becco di un quattrino, Sabato 1 Agosto un folto numero di amministratori della Valle si è riunito ad Avigliana per iniziare un nuovo cammino di forte protesta istituzionale contro l’inganno e le bugie raccontate alla gente non solo della Valle di Susa ma di tutta Italia che vedrà l’ennesimo sperpero di risorse economiche già così poche e che invece che per il tav andrebbero dapprima usate per l’emergenze ben più gravi del nostro paese che ho prima ricordato, compresa l’emergenza occupazionale che richiede risposte immediate e non tra quattro o cinque anni come potrebbe dare il tav e non certo a favore degli abitanti della Valle vosto che quel tipo di lavoro vede da sempre l’utilizzo di bassa manovalanza proveniente da paesi del terzo mondo.Dall’ncontro di questi amministratori è scaturito il comunicato stampa che qui di seguito potete leggere:

COMUNICATO STAMPA

In data odierna 01 Agosto 2009, un gruppo di Sindaci e Amministratori della
Valle di Susa, in seguito a quanto emerso nell’ultimo incontro con il
Ministro Altero Matteoli e nell’ultima Conferenza dei Sindaci, fortemente
preoccupati per le possibili reazioni della popolazione rispetto agli
annunciati inizi dei sondaggi e dei lavori per la realizzazione del TAV, in
assenza del rispetto degli impegni presi dal Governo che ha annunciato il
ritorno alla legge Obiettivo e alla logica delle "compensazioni"come
pubblicamente dichiarato dallo stesso Ministro tramite il "Piano
Strategico", decidono di avviare, a partire dal mese di agosto, una serie di
incontri di analisi e studio dei documenti aperta a tutti gli amministratori
che si riuniranno poi in seduta plenaria Sabato 5 Settembre prossimo per
avviare le opportune e forti iniziative istituzionali e di informazione del
territorio.

1 agosto 2009, Avigliana

, , , , ,