Menu 2

(Termo)valorizziamo i blog

Sono veramente deluso. Se nei giornali la notizia su cui si parla di più è il rapporto matrimoniale in crisi del premier, questo è divenuto l’argomento fondamentale di discussione anche nei blog.
Ciò evidentemente mostra che il blog come strumento d’informazione dal basso si sta irrimediabilmente accartocciando su se stesso.

Sì, irrimediabilmente: credo che il popolo dei bloggers stia svilendo la forza di questo strumento, alla ricerca del facile applauso, della lievitazione del numero degli ingressi… Ma il numero degli ingressi non fa la qualità o l’interesse della lettura. Questo lo si è visto chiaramente nella vicenda dell’appello ai politici sulla trasparenza nella ricostruzione in Abruzzo promosso da 8 bloggers ed entusiasticamente diffuso da molti altri: non si è guardata la sostanza (cioè quali politici si siano impegnati ad un’amministrazione trasparente del dopo-terremoto) ma il numero dei visitatori dei blog e delle testate giornalistiche che hanno ripreso l’appello. IN REALTA’, i politici interpellati l’hanno completamente snobbato.

Voglio invece mettere in luce una notizia a mio parere molto importante, una notizia che davvero va diffusa e su cui davvero vale la pena di fare una battaglia politica. L’ho presa da Sale nel mondo.

L’inceneritore di Acerra: non è pronto e non lo sarà per i prossimi anni.
"qualche giorno fa ho parlato con il padre di una ragazza che conosco, che fa l’ingegnere e sta lavorando all’inceneritore di Acerra. mi ha confermato che l’inaugurazione è soltanto una manovra politica, che il termovalorizzatore come vorrebbero far credere loro, e cioè con i filtri e la produzione di energia, non è pronto e non lo sarà per i prossimi anni. Sta funzionando come inceneritore, brucia tutto ciò che arriverà.. gli ho chiesto come ha fatto a scendere a patti con la sua coscienza vendendo le sue competenze ad un progetto così distruttivo. non mi ha risposto nulla, mi ha soltanto guardata con un sorriso triste e lo sguardo spento…"

, , ,