Menu 2

Decalogo su come commentare correttamente nei blog

A causa di una copiosa serie di messaggi aggressivi o fuori posto inseriti nel sito nelle ultime settimane, sull’America latina, ma anche perfino sulla nazionale di calcio campione del mondo, ho sentito l’esigenza di elaborare un decalogo -forse un po’ ingenuo- al quale invito gli amici di questo sito ad attenersi strettamente. Ne beneficieremo tutti.

Decalogo su come commentare correttamente nei blog

di Gennaro Carotenuto

1) Resta sempre e solo sull’argomento dell’articolo.

2) Contribuisci con nuove informazioni alla discussione e cita le tue fonti. Ricorda che a nessuno piace avere a che fare con persone che “sanno tutto loro” e valuta sempre se è meglio inserire un commento pubblico o inviare un email privato.

3) Non commentare solo per lo sfizio di scrivere comunque qualcosa. Anche se non condividi nulla dell’argomento dell’articolo o del messaggio al quale replichi, argomenta criticamente il tuo dissenso. Commenti sibillini tipo “questo è matto”, o “in questo sito scrive solo feccia” non sono ammissibili. Se non hai tempo o voglia di argomentare astieniti.

4) Rifletti sempre; ti trovi comunque in un luogo pubblico e inoltre non sei mai anonimo, anche se credi di esserlo. Evita pertanto atti di vandalismo verbale verso chi ti ospita.

5) Rendi chiaro e comprensibile il testo e il tono del tuo messaggio e, soprattutto, sii succinto. Replica a chi risponde ai tuoi scritti solo se hai da chiarire o apportare più argomenti. Non sei obbligato a replicare per forza, soprattutto a messaggi anonimi.

6) Prenditi la responsabilità e firma il tuo commento. Anzi, se d’uopo, presentati brevemente. Restando anonimo non solo rendi meno autorevoli le tue idee, ma rendi più difficile la lettura del blog confondendoti con altri anonimi. Piuttosto scegli un nick (il barone rosso, Maria Stuarda, Carlos Gardel) e mantienilo. Anche se scegli di rimanere anonimo, in nessun caso puoi appropriarti di nick altrui o presentarti con identità false o rubate.

7) Non scrivere se sei particolarmente nervoso, teso, ubriaco, stanco. Rimanda a domani. Il blog sarà ancora lì e sarai in condizione di difendere meglio le tue ragioni.

8) I messaggi non possono essere finalizzati a provocare reazioni altrui, né essere irridenti. Nessuno (tantomeno l’autore del sito), è tenuto a replicare ai tuoi “ti sfido a…”. Ricorda che trucchi tipo scrivere in forma caricaturale o grottesca messaggi contrari alle tue opinioni, o utilizzare più identità per appoggiare quello che pensi o denigrare altri utenti possono essere facilmente svelati confrontando gli IP.

9) Se hai un sito o un blog o scrivi di argomenti simili, non usare i commenti di un blog altrui solo per pubblicizzare il tuo. E’ buona norma apportare comunque al dibattito del quale si è ospiti.

10) Infine, ma non meno importante, nel commentare le idee altrui, esprimi solo giudizi, per quanto duri possano essere, che saresti in grado di ripetere in faccia al destinatario.

Questo decalogo ha preso spunto, per ispirarsene molto liberamente, da questo articolo.


Technorati Parole chiave: , ,

, ,