Menu 2

Ma la violenza sulle donne a chi interessa?

Carmela: una decisione vergognosa

La ragazza si era suicidata dopo la violenza subita a 13 anni

Il 10 dicembre il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale per i minorenni di Taranto ha accolto la richiesta di “messa alla prova” avanzata dai legali dei due ragazzi che avevano violentata Carmela di 13 anni, dopo averla narcotizzata.

Qualche settimana dopo la violenza, nell’aprile 2007, Carmela si suicidò non sopportando quella violenza ma anche la doppia violenza che dopo le avevano riservato le Istituzioni.
Ora la situazione si ripete. La “messa in prova” si tradurrà in un periodo di 15 mesi in cui i due ragazzi violentatori, responsabili morali della morte di una ragazzina, saranno solo impegnati “in un programma di rieducazione e assistenza agli anziani“, continuando tranquillamente a fare la loro vita e il loro normale lavoro.
Se entro questo tempo rispetteranno gli impegni, il processo a loro carico sarà cancellato!

Ma non basta. Nell’aula del Tribunale si è dovuto sentire anche altro: un avvocato dei ragazzi stupratori ha chiamato Carmela “prostituta”, e il clima generale, anche da parte del giudice, era tale per cui sembrava più un processo a Carmela che ai violentatori, trattati come ragazzi un pò scapestrati, da trattare con un buffetto in facckia e il perdono… Un processo fatto in fretta e furia, non aspettando neanche che i genitori di Carmela arrivassero da Napoli.

Il padre di Carmela, ha dichiarato che andrà avanti e che si opporrà a questa vergognosa e complice.
Noi appoggeremo la battaglia dei genitori, e porteremo avanti anche una nostra denuncia e iniziativa.

Ma vogliamo denunciare anche il silenzio nella città, nessuno si è presentato al processo.

da womenews.net

http://blog.libero.it/Iosocarmela

http://iosocarmela.splinder.com

http://iosocarmela.wordpress.com

<!– –>

, , ,