Menu 2

Oskar Lafontaine: una sinistra «sana»


Forse l’idea di rifondare la sinistra non suscita più gli entusiasmi auspicabili. Il governo Prodi, la disfatta dell’Arcobaleno, le mille questioni in cui si perde l’opposizione extraparlamentare sono deterrenti molto forti. Anche da questa parte dello scacchiere politico si comincia a percepire la classe “dirigente” come una “casta”, tanto per utilizzare una parola diventata famosa. Per chiunque non fosse convinto della necessità di cancellare d’un tratto il passato (o almeno pensasse che una sinistra «sana», pur con i limiti propri di un partito, potrebbe aiutare i movimenti in lotta per la difesa del proprio territorio, dei beni comuni, dei diritti e della stessa legalità) è assolutamente imprescindibile la lettura di una piccola intervista pubblicata sul manifesto del 7 dicembre. Alessandro Braga intervista Oskar Lafontaine, presidente della vivacissima Die Linke. Un concentrato di logica e buon senso, che i nostri illuminati condottieri dovrebbero rileggersi ogni giorno appena svegli…
Leggi l’articolo

, ,