Menu 2

Organizzazione Stati Americani: “l’impeachement contro Dilma Rousseff è infondato”

CgHKg1VXIAAf8Sw

Luís Almagro, segretario generale della OEA (Organizzazione degli Stati Americani), l’unica istituzione continentale nella quale gli USA mantengono un ruolo di riferimento, rispetto a quelle esclusivamente latinoamericane prosperate nel decennio passato, si è riunito con la presidente costituzionale del Brasile, Dilma Rousseff e ha pubblicato un comunicato stampa della massima importanza che ribalta la maniera con la quale tutta la crisi istituzionale brasiliana è stata rappresentata.

A chiare lettere Almagro ricorda che Dilma Rousseff non è accusata di alcun reato e soprattutto sostiene che il processo di impeachment rappresenti una flagrante illegalità, che non abbia fondamento alcuno e che ha come obbiettivo la messa in discussione delle istituzioni democratiche. Per Almagro è inaccettabile che, in una Repubblica presidenziale quale è il Brasile, si torca il braccio al sistema politico utilizzando strumenti propri di una democrazia parlamentare (sostanzialmente il voto di sfiducia con il quale un presidente del consiglio europeo può cadere) e dandogli la forma di un giudizio giuridico-politico (l’impeachment) senza alcun fondamento. E’ come se negli USA la maggioranza parlamentare repubblicana, invece di limitarsi a bloccare le leggi promosse da Obama, tentasse di destituirlo facendolo passare per un delinquente.

Non basta però, Almagro prende una posizione molto netta che definisce l’impresentabilità se non l’eversività di quanto sta accadendo in Brasile e la sua pericolosità per la democrazia nella regione. Tra le righe infatti accusa direttamente l’opposizione e in particolare il PSDB, il partito più corrotto del Brasile. Questo, uscito dalla maggioranza, in combutta con una parte della magistratura e i media monopolisti nazionali e internazionali (stranamente silenti sulla visita di Almagro), promuove la procedura: “Atti indecenti e criminali vanno giudicati dal luogo della probità pubblica e della decenza e non viceversa”.

, ,