- Gennaro Carotenuto - http://www.gennarocarotenuto.it -

Essere fedeli in Twitter? Chi seguire per anni senza pentirsi

Gennaro Carotenuto [1]Quali sono gli account Twitter che seguo da più tempo senza interruzioni e che non mi sono mai sognato di defolloware? Scopo di questo post è esplorare e proporre le mie letture più consolidate nel social network informativo per eccellenza. Sarebbe interessante ricordare chi davvero cominciai a seguire quando mi iscrissi a Twitter il lontano 6 marzo 2007 ma mi devo accontentare di sapere chi ho seguito con più continuità. Per gli interessati, proviamo a seguirli dal ventesimo fino al primo posto e poi fare qualche breve considerazione finale. Ovviamente valgono tutti come #FF!

PS: Io sono @GenCarotenuto e ringrazio la fiducia accordatami finora in questi anni da oltre 14.000 follower.

In primo luogo vi sono 13 account personali e 7 di entità diverse. Scrivono in sei lingue diverse (compreso il greco moderno che non capisco affatto ma usato a volte da Margherita Dean) ma l’italiano prevale. Dei 13 account personali 8 sono di donne e 5 di uomini. Tre sono politici, un italiano e due latinoamericani, compreso lo scomparso presidente venezuelano Hugo Chávez (che non penso defolloware). Gli altri dieci sono comunicatori con caratteristiche diverse: un grande intellettuale brasiliano, alcuni giornalisti mainstream, quasi sempre anche blogger. Tra le entità vi sono tre grandi giornali internazionali (zero italiani, sorprende?), un blog satirico collettivo e altri tre soggetti non comparabili.

Ha senso questa classifica? Forse no, almeno non in quanto classifica. Quanto tempo è passato da quando seguo Arianna o Margherita? Quante volte ho ritwittato Le Monde e quante Tedeschini? Sono comparabili account preziosissimi ma con meno di mille follower come quello di Paola Caridi (#FF now!) con gli 8,5 milioni del NYT? Non ci sono poi persone come Luca Conti dalle quali ho imparato a usare il medium e che (forse per un defollow per errore), staziona oltre il centesimo posto. Insomma, prendetela per quel che è, una curiosità e un consiglio di lettura affatto estemporaneo.