Menu 2

Storico in Guatemala: l’ex dittatore Efraín Ríos Montt condannato per genocidio

riosmonttLenta ma viene la giustizia anche nei paesi dove meno si pensava potesse arrivare. Ieri in Guatemala l’ex-dittatore Efraín Ríos Montt è stato condannato a 80 anni di carcere per genocidio e violazioni dei diritti umani al termine di un processo iniziato nel gennaio 2012. Soprattutto, per la prima volta, una sentenza conferma quanto sostenuto dall’ONU e dalla chiesa cattolica: sì, in Guatemala vi fu un genocidio costato la vita ad almeno 200.000 persone.

Nello specifico del processo Ríos Montt è stato condannato come mandante di 15 massacri commessi dall’esercito. Questi costarono la vita a 1.771 indigeni maya-ixiles nel dipartimento del Quiché, nel nord del paese, avvenuti tra il 1982 e il 1983 durante il suo regime. Al processo ha assistito la premio Nobel Rigoberta Menchú, anch’essa di etnia Quiché e vittima del genocidio. A Ríos Montt, che si dichiara innocente e considera illegale il tribunale, sono stati anche revocati gli arresti domiciliari ai quali sottostava da oltre un anno, ed è stato trasferito in un carcere di massima sicurezza.

La sentenza è di portata storica per molti motivi, dalla breccia nell’impunità di un paese particolarmente ingiusto, al valore riparatorio per le vittime, al riconoscimento storico di quella che non fu guerra civile ma genocidio. Ríos Montt è colpevole di aver ordinato la politica di “terra bruciata” su popolazioni indigene inermi, accusate di aver collaborato con la guerriglia di sinistra dell’URNG. Durante il processo oltre cento testimoni, vestiti nei tradizionali colori dei popoli indigeni guatemaltechi, hanno dettagliato orrori inenarrabili, torture, assassini indiscriminati, stupri. Ciò avvenne nel momento più brutale di un conflitto sanguinoso iniziato col rovesciamento voluto dagli Stati Uniti del governo democratico di Jacobo Árbenz nel 1954, dagli Stati Uniti appoggiato in tutti i suoi passaggi più brutali e terminato solo nel 1996. Inizialmente il processo contro Ríos Montt prendeva in esame 266 massacri. L’avvicendarsi dei testimoni, soprattutto donne umilissime, che hanno raccontato soprattutto gli stupri sistematici, 1.400 dei quali erano oggetto del processo, è stato in sé uno degli aspetti più importanti del giudizio celebrato: per la prima volta erano chiamate a far sentire la loro voce, per la prima volta potevano sperare di essere credute. «L’ordine era – ha testimoniato con coraggio una donna allora adolescente – che prima fossimo stuprate dai soldati sani, e solo alla fine da quelli ammalati di sifilide e gonorrea. Soprattutto le più giovani di noi e le bambine non sopravvivevano».

Per il paese centroamericano è un momento storico. Pastore evangelico, Ríos Montt è considerato anche il principale impulsore locale della penetrazione protestante nel paese e, anche dopo la fine del suo regime militare, ha continuato ad essere uno degli uomini più potenti del paese. Nel 2000 aveva fondato il Frente Republicano Guatemalteco (FRG), e nel 2003 era riuscito a candidarsi alla presidenza della repubblica ottenendo il 20% dei voti. L’attuale capo dello Stato, Otto Pérez Molina, anch’egli militare e coinvolto -sia pure con minore responsabilità- nella repressione, ha sostenuto che il governo rispetterà la sentenza e ha voluto risaltare i passi avanti del paese «20 anni fa questo processo non sarebbe stato neanche pensabile». Pérez ammette che in Guatemala vi furono violazioni dei diritti umani, ma nega che vi fu un genocidio, come invece, finalmente, la sentenza storica di ieri stabilisce.

Sull’altro fronte per Hellen Mack, sorella di Myrna Mack (qui la biografia), la grande antropologa assassinata nel 1990 proprio per le sue ricerche sul genocidio, il processo e la condanna di Ríos marcano un passaggio storico: «per la prima volta gli indigeni hanno potuto far sentire la propria voce. Per la prima volta hanno potuto pensare che il parlare avesse un senso. Per la prima volta hanno sentito che è possibile arrivare alla verità e alla giustizia». È una verità e una giustizia a lungo cancellata inascoltata anche dal complesso mediatico monopolista internazionale, che ha preferito privilegiare la versione ufficiale da guerra fredda della necessità della difesa dello Stato. Mentivano ed erano complici dei carnefici. Nel paese centroamericano, come ha sostenuto per decenni l’azione instancabile di molti tra i quali Rigoberta Menchú e molti sacerdoti e suore cattoliche che hanno collaborato alla scrittura dei quattro preziosissimi volumi del «Nunca Más» (costato tra i tanti la vita a Juan Gerardi) come comincia oggi ad essere confermato da sentenze, vi fu un deliberato genocidio.

Leggi anche: Guatemala, testimonianza dall’impunità

,

One Response to Storico in Guatemala: l’ex dittatore Efraín Ríos Montt condannato per genocidio

  1. Tlaloc 15 Mag 2013 at 10:28 #

    Bella notizia, nonostante la lentezza della giustizia internazionale e dei processi di pacificazione del Guatemala. Nulla potrà restiruire la pace di un popolo offeso e mortificato da cinquecento anni, ferito a morte dalla ricetta di politiche genocide filoamericane. Nulla potrà rimarginare lo squarcio aperto dalla mano immonda dei kaibiles, mostri allenati a compiere mostruosità nelle scuole dove si insegna ad annientare senza soluzione di continuità popoli autoctoni, simbolo di una eredità antropologica mai riconosciuta. Per quanto mi riguarda, come ho già espresso per altri geni del male, mi auguro che gli ultimi anni di Montt siano ripieni di una profonda, interminabile sofferenza.

Lascia un commento