Menu 2

Elezioni 2008 – Filo diretto con Giornalismo partecipativo

elezioni2008

Elezioni 2008 – Filo diretto con Giornalismo partecipativo, commenta passo a passo l’evoluzione dei risultati elettorali su Giornalismo partecipativo.

Che stai facendo? TV, SKY? Radio? Internet? Ancora in una sezione di partito? Come ti senti? Cosa prevedi? Come commenti i risultati e i commenti dei leader? Una lunga giornata elettorale in diretta su Giornalismo partecipavo.

A questo link il primo commento di Gennaro Carotenuto

Prima proiezione seggi al Senato: Berlusconi 166, Veltroni 139, Casini 3 (mancano dieci seggi)

Dalle regioni:

Senato, due terzi delle sezioni: 

s-pd PD+IDV 38,8% s-pdlPDL+LN+MPA 46,6%
s-sinistraSA 3,3 s-udc UDC 5,6
s-psocialista PS 0,9 s-ladestra Destra 2.1
   

, , , , , , , , , , , ,

42 Responses to Elezioni 2008 – Filo diretto con Giornalismo partecipativo

  1. Martino Mai 14 Apr 2008 at 13:51 #

    Eccellente idea! Incrociamo le dita!!!!!

  2. hjk 14 Apr 2008 at 14:55 #

    “TV, SKY? Radio? Internet? Ancora in una sezione di partito? Come ti senti?”

    No, ancora in un LUOGO DI LAVORO.
    E mi sento male. Molto male

  3. ilcomiziante 14 Apr 2008 at 15:16 #

    Se pensate di emigrare, vi consiglio la Spagna.

    — Nuovo esecutivo spagnolo —

    (sempre incluso il Capo del Governo)

    Numero membri: 18
    Capo del Governo: 47 anni
    Media esecutivo: 52 anni
    Piu’ giovane: 31 anni (qui ho pianto)
    Piu’ vecchio: 65 anni
    Donne: 9
    Uomini: 9
    Volti nuovi: 5 (28%) (in un esecutivo al secondo mandato)
    (fonte per l’eta’: Wikipedia)

    Non vorrei infierire, ma il ministro della cultura e’ uno scrittore, quello dell’innovazione una biologa e cosi’ via.

  4. Raffaele Della Rosa 14 Apr 2008 at 15:17 #

    Anche io non la vedo bene. Figuratevi che, commentando i dati degli exit-poll, una giornalista di RAI3 ha detto “Come vedete le forchette del PD e del PDL si toccano”. Ovvero mazzate di morte per riuscire a mangiare di più. E la ciccia non sono gli italiani, genericamente intesi, ma gli italiani più deboli.

  5. Mariella Minnozzi 14 Apr 2008 at 15:28 #

    Sto seguendo su internet e anche io mi sento molto male.
    Su Repubblica TV chiacchiere vaghe, come ovunque con dati così parziali.
    Sinistro il dato della Lega, ormai il cervello degli italiani è andato in pappa…
    Grazie Gennaro per questo filo diretto.

  6. Piero De Luca 14 Apr 2008 at 15:45 #

    tutto ancora molto fumoso. Sembra abbastanza chiaro che non ci sarà mai una maggioranza chiara al Senato. La campagna sul “voto utile” sembrerebbe aver azzerato la sinistra. Tuttavia se invece di votare (e, non sono disfattista ne’ grillino, caro gennaro, ho votato diligentemente…) per 22 ore di seguito tutta Italia fosse stata obbligata, legata sulla sedia a vedere la puntata di ieri sera di Report sul cibo, forse, forse, il mondo e questo paese di merda sarebbero migliori…

  7. Raffaele Della Rosa 14 Apr 2008 at 15:47 #

    Il dato del -4% di votanti, pare omogeneo su tutto il territorio nazionale, o quasi.

  8. Gennaro Carotenuto 14 Apr 2008 at 15:51 #

    Sono contentissimo del servizio pubblico che ogni tanto fa il servizio pubblico. Report ne è una dimostrazione.

  9. Paolo Roversi 14 Apr 2008 at 16:05 #

    PD 40% PDL 42%

    Non vedo differenze tra un ministro come Maroni e/o un Ichino. Stesse politiche su pensioni e lavoro (senza dimenticare Damiano).

    LA LEGA AL 7% L’Italia nelle mani della Lega? Che ne pensate?

    Abbinare il pensiero alla parola Lega risulta difficile…

    CON LA DESTRA AL 3%, CHE RISULTATO E’ PER GIANFRANCO FINI E AN?

    Fisiologico, lui punta alla leadership del PDL

    BERTINOTTI AL 4.5% alla CAMERA, UN DISASTRO?

    Per la prima volta nella mia vita ho votato, non per un progetto ma contro un progetto, quello della SA. Il disastro della SA spero indebolisca un’idea bassa ambigua e verticistica, prescindendo dalla scusa dell’urgenza elettorale.

    Oramai gli italiani vivono le elezioni come uno spettacolo scisso dal quotidiano. Siamo un paese decadente a sovranità limitata.

  10. Gennaro Carotenuto 14 Apr 2008 at 16:17 #

    Paolo su Fini scrive:
    Fisiologico, lui punta alla leadership del PDL

    Interessante prospettiva che passa per uno sciogliemento di AN nel PDL. Saranno tutti d’accordo in AN? Non si apre un’ulteriore emorragia a destra?

  11. Raffaele Della Rosa 14 Apr 2008 at 16:18 #

    “Siamo un paese decadente a sovranità limitata.” Parole tremende, terribili, antipatiche forse, ma chi si alza a dire che non sono vere ?

    Per la partecipazione, meno 3,2 qualcosa per cento alla Camera, meno dell’ 1 per cento, al Senato. I giovani, quelli con meno di 25 anni,non si sono interessati. Lor signori non si interessano a loro e loro non si interessano a lor signori.
    Vediamo poi la distribuzione territoriale.

  12. Debora 14 Apr 2008 at 16:21 #

    Questo risultato, se confermato o migliorato (sperem), dimostra che Veltroni ha azzeccato la sua campagna elettorale.
    Viceversa, l’emorragia elettorale della Sinistra deve ricercarsi nel dato di astenuti/nulle. Chi è “davvero” di sinistra non ha trovato rappresentanza, né ovviamente nel PD ma neppure nella SA che ha presentato un programma totalmente obsoleto e fuori dalla realtà attuale.
    Sono contenta della tranvata anche per i Verdi, partito ormai spregevole che andavo votando da vent’anni.

  13. Edo Grandinetti 14 Apr 2008 at 16:35 #

    @Gennaro: “Interessante prospettiva che passa per uno sciogliemento di AN nel PDL. Saranno tutti d’accordo in AN? Non si apre un’ulteriore emorragia a destra?”

    Sì, in teoria sì. Bossi & Co. ora pretenderanno moltissimo e Fini ne esce con le ossa frantumate. Ma la storia dell’emorragia la ripetiamo da tempo e poi tornano in piedi.

    Per quel che vale, dagli ExPool si intuisce, com’era prevedibile, che l’astensionismo ha danneggiato la sinistra “radicale”. Credo che raccolga molto dei non-votanti e che alcuni mussiani abbiano votato PD per la berlusconifobia.

    Ora c’è da capire l’incognita UDC al senato. Credo che qui al sud qualche seggio lo prenda. In Sicilia può sottrarli solo alla PDL, qui anche al PD. Certo è che se prende anche 2-3 seggi, rispetto al precedente parlamento, saremo punto e a capo.

    A ogni modo, il fallimento di SA, dai dati attuali, risulta evidente. Sinceramente non me lo aspettavo. Non un botto così.

  14. Gennaro Carotenuto 14 Apr 2008 at 16:35 #

    16:17 Senato, la Lega spopola in Lombardia

    Le prime 29 sezioni lombarde per il Senato (dati ufficiali del Viminale) danno la Lega come primo partito in Lombardia con oltre il 31,6% dei voti. Seguono Pdl 29,3%, Pd 22,4%, Idv 4,1%. Nessun altro partito verrebbe ammesso al riparto dei 47 seggi senatoriali lombardi.

  15. Doriana Goracci 14 Apr 2008 at 16:35 #

    Interessante questa specie d’incontro forum, in diretta da dove ci si trova…ma non posso fare a meno di constatare il pathos che accompagna questa attesa del vincitore e del perdente, perchè di fatto ognuno si sente in quella parte di voti, io di non voti. E mai dico mai, ci si sente se non sotto stimolo febbrile di notizia, “mossi” da sdegno partecipazione alla vita in diretta del proprio consiglio comunale o di quello nazionale, neanche in momenti importanti e simbolicamente forti che abbiamo vissuto, per il bene comune del paese o Paese che è lo stesso.Movimento sparso…
    Mi rattrista questo sguardo, capisco sincero, ai numeri e alle cifre, dove i volti sono le stereotipe immaginette volute e rese tali nelle stanze delle segreterie di partito. Mi basterà stasera seguire i risultati e i blabla ma anche leggervi, esco per un po’, sarei sterilmente inutile in questa fase che detesto e ho sempre detestato.

  16. emanuele 14 Apr 2008 at 16:53 #

    Un blocco mentale mi impedisce di fare come due anni fa: allora andai (controvoglia), con miei fratelli nella sede dei DS che sta accanto a casa mia, perchè l’ansia di avere notizie attendibili era troppa. Tutto il quartiere (popolare) era là dentro, anche chi, come noi, non ci aveva mai messo piede. Restammo là fino a che non si capì che tutto si sarebbe saputo solo l’indomani, la delusione per uno scarto così misero fu quasi peggio che aver perso: “metà del mio paese vota per dei mafiosi!!”, pensai. Oggi non rifarò questa cosa assurda perchè ne ho le balle piene di voti strategici che ancora una volta ho dovuto buttare giù come si ingoia una medicina schifosa. Se vince la destra sono seriamente intenzionato ad emigrare. Non importa dove. Il più lontano possibile dal nano, dalle sue cazzate e dalla sus schifosa e viscida figura, in attesa che lui tiri le cuoia. Non posso pensare di vivere in un paese dove il governo e le riforme le fanno una manica di mafiosi e razzisti dimmerda. Basta, ne va veramente della mia salute. Sono sempre stato calmissimo e non ho mai avuto problemi di gastrite o simili, ma adesso davvero rischio di farmi esplodere il fegato a stare in un paese dimmerda dove c’è ancora gente che vota uno che si crede Al Capone e i suoi compari da film americano. Se volevo i Soprano al governo nascevo a Hollywood!
    Se li tenga chi li ha votati questa banda di criminali e tanti auguri. Io mi considererò un esiliato politico. Ho 30 anni, una laurea e una vita da costruire, non la sprecherò in un cesso di Italia dove qualcuno ha deciso perfino di tirare lo sciacquone…

  17. Paolo Roversi 14 Apr 2008 at 16:58 #

    Scusate il ritardo, impegni di lavoro…

    Queste sono elezioni di transizione e riposizionamento, chi andrà a governare si beccherà la patata bollente della recessione e saranno dolori, tanto sappiamo tutti che in campagna elettorale si fanno promesse da mercante (Prodi docet).
    Fini, che spesso ha sbagliato in questi anni, ci basti ricordare l’alleanza con Segni, vista l’uscita di scena di Casini ha tentato lo scacco per ereditare il PDL da Berlusconi. A destra si formerà un partito con cui fare accordi locali e nazionali in un prossimo futuro in nome di una radice comune.

  18. Annalisa Melandri 14 Apr 2008 at 16:58 #

    Anche io come Doriana ho sempre avuto qualche difficoltà in questa fase, forse per la mia innata avversione per i numeri…pensavo che ce l’avremmo fatta, svegliatemi fra 5 anni o 12 come dice Gennaro.

  19. Annalisa Melandri 14 Apr 2008 at 17:00 #

    Emanuele, ottima idea, mi ci fai pensare quasi quasi..

  20. Paolo Roversi 14 Apr 2008 at 17:08 #

    Per l’exploit della Lega ringrazierei sentitamente il governo Prodi e le sue politiche economiche e sociali.

    Torno a lavorare

  21. Piero De Luca 14 Apr 2008 at 17:15 #

    calati junco ca’ passa la china… penso che non ci sia molto altro da dire. Questo paese prima o poi smetterà di essere così indecente.
    Altro che “casta”….
    P.S. Ultim’ora di buonumore: Vespa è “sgomento” per il risultato della SA….

  22. Mariella Minnozzi 14 Apr 2008 at 17:53 #

    Capisco Emanuele, se avessi la sua età emigrerei anch’io e consiglio ai giovani di farlo. Si parla di raddoppio della Lega al nord, che vogliamo commentare? Fini da un pezzo ha svenduto AN e credo che lui da molto tempo segua solo la sua ambizione personale e il suo desiderio di essere il successore di Berlusconi. Mi ricordo che all’inizio di questo infausto quindicennio quelli di AN votavano Berlusconi turandosi il naso. Poi AN ha approvato le leggi che depenalizzano i reati di Berlusconi, è stata a guardare mentre l’asse Bossi-Berlusconi si rafforzava, alla faccia della loro decantata patria (parola che mi fa venire l’orticaria). Strano che la Destra non abbia ottenuto l’8%!
    E noi che ci facciamo qui? Inutile prendersela col nano pelato e i mostricciattoli verdi. Sono gli italiani che votano. Anni fa Grillo parlando di un mafioso in uno spettacolo ha detto una cosa che forse si può applicare all’Italia di oggi. Il concetto era più o meno “Ma l’avete sentito parlare? Non parla, fa versi. Se non si hanno parole, non si hanno gli strumenti per pensare e allora di fronte a un problema si prende il fucile e si spara”. Avete mai sentito parlare il popolo della lega? E quello del berlusca? Quanti Frederich pensate che ci siano in giro per l’Italia? Semi-deficienti col macchinone che guarda come sgommo io. Che disperazione!

  23. Raffaele Della Rosa 14 Apr 2008 at 18:19 #

    La botta c’è ed è dura. Non è una botta per Veltroni. Lui ed i soci probabilmente l’avevano preventivata, dopo tutto eviteranno le grane di gestione della crisi economica(per questo io mi auguravo la possibilità di una grande coalizione che smascherasse il PD).
    Però questo non eviterà che gli italiani meno difesi da questa crisi prenderanno una botta di quelle che si ricordano nella storia. Anzi la speranza del PD è proprio che nella gestione della crisi il PDL si bruci di brutto e quindi ribaltare tra cinque anni i risultati di oggi.
    La cosa che deve turbarci di brutto sono i risultati della Lega uniti a quelli della Destra, roba da far venire i brividi. Piemonte, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia con i razzisti rampanti sulla cresta dell’onda. E pure in Liguria la cosa non si mette bene….
    A vedere l’ultima proiezione sulla distribuzione dei seggi al Senato, i berlusconidi ce l’avrebbero fatta alla grande, SinArc distrutta….ohioi qualcuno dovrà andarsi a cercare un lavoro vero.

  24. Paolo Roversi 14 Apr 2008 at 18:26 #

    Leggendo i commenti dei leader della SA mi viene da sorridere amaramente. Ora i nodi vengono al pettine, a nostro discapito ovviamente. Le scelte strategiche Bertinottiane (un Fini di sinistra come politiche) di permeabilità del centro-sinistra ai movimenti (una barzelletta, vedi Napoli), accordo senza condizioni con Prodi, permanenza in un governo che ha massacrato lo stato sociale in continuità con quello precedente e di cancellazione dell’identità comunista sono un fallimento lampante. Dovrebbe dimettersi immediatamente da ogni carica e da parlamentare, se eletto. Lo farà?

  25. Giuseppe Paladina 14 Apr 2008 at 18:41 #

    Piccola nota di sperANSA.
    CAMERA: PDL(+LN+MpA) al 43.13%, PD(+IdV) al 42.04% [Ultimo aggiornamento: 14-04-2008 18:29:54 (Sezioni scrutinate: 5238 di 61062)].

  26. emanuele 14 Apr 2008 at 18:48 #

    Sì la Lega e la Destra, è questa la cosa che più mi fa incazzare: possibile che un paese che ha millenni di storia e di cultura si abbassi a votare una manica di semi-analfabeti con la clava?
    E’ quest’ignoranza che mi sconcerta! Non ci credo che milioni persone possano essere tanto idiote da credere che la Lega sia capace di fare qualcosa di serio a parte dare la colpa dei mali del mondo a negri, rom e cinesi. Possibile??? Capisco che ai tempi di mio nonno qualcuno votasse MSI perchè magari sotto il fascismo se l’era passata bene. Ma oggi cosa spinge uno a votare per dei partiti fuori dal mondo? Pensano davvero di arrestare l’immigrazione a fucilate?? O di frazionare l’Italia col righello?
    Pensano davvero che il nord sia immacolato e lindo, senza problemi di mafia?
    E meno male che noi del sud saremmo ignoranti!! Se prendo il servo pastore del più piccolo comune della mia Sardegna ha più buon senso e più cultura di tutta la Lega messa assieme.
    Per non parlare delle destre, di forza nuova e questo schifo di rigurgiti fascisti che girano indisturbati e fanno le contro manifestazioni il 25 aprile. Cazzo, la nostra Costituzione è antifascista!!! Non dovrebbero nemmeno potersi candidare questi qua! E basta con questo cacchio di buonismo e di cerchiobottismo che siccome “Stalin ha fatto…” allora anche loro sono legtittimati a parlare. Stalin era in Russia, sarà un problema della costituzione russa.
    In Italia abbiamo avuto Mussolini, punto. Qualsiasi richiamo al fascismo è anticostituzionale, PUNTO ESCLAMATIVO.
    Certo che se poi “sono tutti uguali” lo sento perfino nella mia facoltà (scienze politiche), allora si spiegano molte cose…

    Allibito e schifato. Incredibile…nulla, non impariamo nulla.
    Idioti come capre.
    L’Ue dovrebbe commissariare l’Italia per manifesta incapacità di autogestirsi.

  27. Paolo Roversi 14 Apr 2008 at 18:54 #

    Scrive Emanuele:

    L’Ue dovrebbe commissariare l’Italia per manifesta incapacità di autogestirsi.

    Se ti candidi con questo programma ti voto!

  28. paolo brugnara 14 Apr 2008 at 19:06 #

    da un rapido calcolo sulla base delle ultime proiezioni regione per regione la situazione al senato dovrebbe essere questa:
    PDL 160
    PD 138
    UDC 3

    nel calcolo non sono conteggiate val d’aosta (teoricamente 1 senatore di centro-sx) e trentino alto adige (7 senatori in palio, 2 PDL, 3 SVP-insieme per le autonomie, 2 forse all’SVP, che si presenta contro PD e PDL).
    totale:
    PDL 162
    PD 144 (con SVP)
    UDC 3

  29. netsurferx 14 Apr 2008 at 19:16 #

    Gli italiani saprebbero autogestirsi se non fossero così manipolati dalle televisioni e dai giornali. Il problema non sono le capacità ma questa profonda ignoranza imposta. Altrimenti sapremmo autogestirci.

    Date al popolo una larga esistenza umana ed esso vi stupirà con la profonda razionalità delle sue idee
    (M. Bakunin)

    purché sia un esistenza informata

  30. Raffaele Della Rosa 14 Apr 2008 at 19:34 #

    Sempre su SinArc, NOTEVOLE, l’effetto trascinamento del Governatore della Puglia, Niki Vendola, ipotizzato come homo novus del post-bertinottismo….trascinamento ovviamente verso il basso.

    In Puglia PD+SinArc, circa il 39% contro più del 48% del PDL.

    In Campania la Bassolino connection è in liquidazione…50,618 al PDL contro neppure il 38% a PD+SinArc…
    Però le popolazioni campane possono stare relaticvamente tranquille, NON DOVRANNO VIVERE NESSUN TRAUMA DA CAMBIAMENTO. Anche per questo mi sarebbe sembrato INDECENTE partecipare a questi “ludi cartacei” come li chiamava l’altro cavaliere, il nonno di Alessandra.

  31. valegal 14 Apr 2008 at 19:55 #

    Io sono in Messico, sto seguendo tutto su rai-international e internet.

    Non capisco perchè la SA (che, nonostante il suo problema di responsabilità di governo, mi “rappresenterebbe” dippiù) si ostina a dire che, se si fosse trovato un accordo con il PD,il centrosinistra avrebbe vinto le elezioni. Io non credo che il risultato sarebbe stato la sommatoria dei voti attuali, mi sembra più probabile che il totale sarebbe stato ancora più basso. Non ci si può dimenticare che stiamo parlando di elezioni dovute alla caduta del governo di centrosinistra.

    A livello nazionale, non mi sembra che l’astensionismo “boicottante” abbia avuto un grande seguito.
    Pesante invece il calo di votanti in regioni tradizionalmente di sinistra come l’emilia-romagna.

    E’ evidente che c’è qualcosa che non va.
    E non ce lo potevamo permettere.

    Magari chiedo asilo politico.

    valeria galanti

  32. FG 14 Apr 2008 at 20:28 #

    Seguo da un bel po’ questo sito, che apprezzo molto, e mi dispiace che il mio primo commento sia improntato all’assoluto sconforto che provo in queste ore…ma tant’è…spero che condividere mi aiuti almeno un po’ a sciogliere il nodo che mi attanaglia lo stomaco..Come Emanuele, anch’io ho trent’anni e una laurea, e più di una volta ho ventilato l’idea di emigrare, ma mi ha sempre trattenuto la speranza di un cambiamento e l’idea che abbandonare l’Italia significherebbe un po’ darla vinta a quelli che l’hanno ridotta così.
    Ma a questo punto…alla prospettiva di altri cinque anni di Berlusconi e Lega…non so se ce la posso fare.

  33. alberico 14 Apr 2008 at 20:37 #

    ma state ancora a fare i conti 3×4=24 abbasso il 4 riporto il 3 mi restano tre che diviso 9 fa ….ma la vogliamo finire, via via via ,jammuncenne… ma addò?

  34. angelino 15 Apr 2008 at 08:14 #

    Scusatemi, ma siamo o non siamo in un Paese democratico? Mi sembra evidente che la coalizione di centro-destra abbia preso intorno al 47-48% dei voti: quasi la maggioranza assoluta e quasi il 10% in piu’ della coalizione di centro-sinistra.
    Ora vi chiedo: e’ mai possibile che questa ENORME differenza sia dovuta soltanto alle televisioni di Berlusconi, al fatto che gli italiani sono tutti scemi, etc. etc.? Non sara’ che (forse) ci sono stati degli ENORMI errori politici del precedente Governo e che gli italiani abbiano deciso (legittimamente, democraticamente e sonoramente) di mandare a casa lor signori, dal primo all’ultimo?

    Vi faccio anche notare che la favoletta degli “operai che votano a sinistra e la borghesia che vota a destra” e’ finita da un pezzo… che vi piaccia o no, gli operai del Nord hanno votato in massa per la Lega… anche questo e’ colpa delle televisioni di Berlusconi?

    Infine vi vorrei invitare a farla finita con questa storia della “superiorita’ culturale” della sinistra… NON E’ VERO che che e’ colto e intelligente vota Veltroni e Bertinotti, e chi e’ rozzo e scemo vota Fini, Bossi e Berlusconi… quando vi toglierete le fette di salame da sopra gli occhi, forse potrete capire davvero perche’ avete perso (e di brutto) queste elezioni…

    Per chi ha deciso di emigrare: tanti auguri. Io sono all’estero da 2 anni (in un paese che e’ considerato tra i piu’ “civili” al mondo… e non sono gli USA, non preoccupatevi…), ed e’ un’esperienza che non auguro a nessuno. Contenti voi……….

  35. Annalisa Melandri 15 Apr 2008 at 09:05 #

    Tanto per avere un’idea dello “spessore culturale” della destra, Maurizio Gasparri ieri sera in tv:
    “manderemo Veltroni in Africa, ma forse è meglio di no, perchè anche gli africani meritano un futuro”..

  36. Raffaele Della Rosa 15 Apr 2008 at 11:55 #

    Annalisa carissima,
    le cose che scrivi qui e sul tuo blog credo siano un aiuto ed uno stimolo rilevante, non solo per me ma anche per tanti altri.

    Non sprecare le tue capacità ed energie a dir male dei nemici che hanno vinto, era il loro ruolo.

    Noi abbiamo mancato al nostro. Cerchiamo di capire perchè, senza buonismi ma anche senza ferocia inutile. Per me le cose che dice Angelino, ma non solo lui, sono sacrosante.

    Gasparri….e lo spessore culturale della destra…..ehhhh già sono un problema…certamente.

    Ma Bertinotti lingua in bocca con la vedova di Almirante, il fucilatore di partigiani, cosa è, me lo vuoi spiegare ?

  37. Raffaele Della Rosa 15 Apr 2008 at 11:56 #

    siamo incazzati neri, uniamoci ai neri incazzati, o almeno proviamo 🙁

  38. Annalisa Melandri 15 Apr 2008 at 14:42 #

    Raffaele, hai perfettamente ragione, infatti il prino commento che mi è venuto fuori è stato: “la sinistra pianga se stessa”.
    E tutta quanta la sinistra, quella che ha chiamato al voto utile che manco è bastato e che non ha convinto nessuno, nemmeno quelli che come me l’hanno votata per il timore del ritorno del nano, quella radicale che in due anni ha fatto di tutto per allontanare i pochi indecisi. Hai ragione, ma non mi sento di dire NOI abbiamo mancato al nostro. Sono altri quelli che hanno mancato, ma non NOI. E’ questa la cosa che mi inquieta di più e che mi angoscia maggiormente, questo NOI che non c’è più. Ne riparliamo, con meno fretta. scusa.

  39. Raffaele Della Rosa 15 Apr 2008 at 15:04 #

    Ho letto l’ultima nota di Doriana, mi è piaciuta moltissimo. Noi ci siamo. Noi quelli che a tutti i caporali ed ai prepotenti diciamo di no, noi che cerchiamo di essere (non il macigno che sarebbe necessario, magari…) ma il granello di sabbia, MA MAI LA GOCCIA D’OLIO, negli ingranaggi. Tu, i tanti, non siamo maggioranza ma neppure pochissimi, NOI CI SIAMO.
    Faremo come il signor di Lapalisse che era ancor vivo prima che morisse.
    un abbraccio

  40. Raffaele Della Rosa 15 Apr 2008 at 15:07 #

    Noi, un work in progress

  41. alberico 15 Apr 2008 at 18:36 #

    per favore non disperiamo becchiamoci stò link e poi fatemi sapere http://www.informationguerrilla.org/hanno-vinto-i-peggiori-hanno-perso-i-peggiori/

Trackbacks/Pingbacks

  1. Repubblica.it - Blog - NetMonitor » Blog Archive » C'è anche la diretta dei blogger - 14 Apr 2008

    […] dirette: Zoro, I Don’t Like Mondays. Giornalismo Partecipativo, Filo diretto. Pornopolitica, con la sua maratona elettorale. Leonardo, Exit […]

Lascia un commento