Menu 2

Diari di Mussolini – La perizia che smentisce Marcello dell’Utri

mussolini Pubblichiamo la perizia di Emilio Gentile che già nel 2005 inchiodava e riconosceva come falsi i diari di Mussolini che Marcello dell’Utri farà pubblicare a Bompiani (gc).

Considerazioni su alcuni diari manoscritti attribuiti a Benito Mussolini.

di Emilio Gentile

I diari manoscritti attribuiti a Benito Mussolini, da me esaminati, sono contenuti in cinque agende, ciascuna per ogni anno, dal 1935 al 1939. L’esistenza di diari mussoliniani relativi agli anni dal 1935 al 1939 è provata dalla testimonianza dello stesso Mussolini, che nel suo libro Parlo con Bruno, pubblicato nel 1941, scrive di aver tenuto un diario fino al 1940, e ne cita alcuni passi degli anni 1935-1938, che si riferiscono al figlio Bruno, morto durante la seconda guerra mondiale.

(Cfr. Benito Mussolini, Opera Omnia, a cura di E. e D. Susmel, XXXIV, Firenze 1961, pp. 209-57).

La conferma dell’esistenza di tali diari viene anche da altre testimonianze attendibili, fra le quali quella di Edvige Mussolini, sorella del duce, che ebbe in custodia le agende fino al 1940, e dei suoi figli, i quali hanno dichiarato di conoscere il contenuto dei diari. (cfr Edvige Mussolini, Mio fratello Benito, Firenze 1957, pp. 229-31).

Tutte le agende da me esaminate sono prive di copertina. La successione cronologica delle singole agende è regolare, anche se le annotazioni, quando si prolungano per più pagine, modificano la cronologia del diario rispetto alla data stampata: in questi casi, la data è manoscritta.

Due agende presentano irregolarità nella datazione:

1) L’agenda del 1937 contiene due pagine con la stessa data a stampa “18 dicembre. Sabato s. Graziano”, ma il testo manoscritto è differente nelle due pagine. Inoltre, mentre dopo la prima di queste pagine con la data 18 dicembre segue una pagina bianca; dopo la seconda, segue la pagina del 21 dicembre, e mancano le pagine del 19 e del 20 dicembre.

2) L’agenda del 1939 ha l’ultima pagina con la data stampata del 16 dicembre; le pagine successive mancano, mentre vi sono alcuni fogli manoscritti, uniti a questa agenda, dai quali sembra sia stata strappata la data stampata. Questi fogli sono privi di data manoscritta, salvo una nota del 21 dicembre, e un’altra con riferimento al 25 dicembre (“E’ Natale”).

Una prima lettura delle cinque agende è stata da me fatta durante una permanenza di tre giorni a Bellinzona all’inizio di Novembre 2004, su richiesta del dr. Riccardo Bocca, per conto del Gruppo Editoriale l’Espresso.

Questa lettura ha dato inizialmente una impressione generale di unità e di coerenza sia per lo stile che per il contenuto dei cinque diari, tali da far pensare che siano stati scritti dalla stessa persona, anche se il tono, il contenuto e la lunghezza delle annotazioni variano a seconda degli anni.

Non mi soffermo sugli aspetti calligrafici, che sono stati oggetto di una perizia specifica, anche se certi tratti della calligrafia di questi diari appaiono diversi da altri autografi di Mussolini, che mi è accaduto di vedere in originale nel corso delle mie ricerche. Da questa prima lettura, necessariamente rapida, non sono tuttavia emersi motivi sufficienti per formulare subito un giudizio

sull’autenticità o meno dei diari.

E’ noto che queste stesse agende sono state già esaminate in passato da altri periti e studiosi, alcuni dei quali, come lo storico inglese Denis Mack Smith, hanno dichiarato di ritenerli autentici.

Lo storico americano Brian Sullivan, dopo aver esaminato il testo di queste agende in fotocopia per sette anni, in un’intervista pubblicata sul “Corriere della Sera” del 2 luglio 1994, ha dichiarato di esser propenso a pensare che i diari siano stati scritti effettivamente da Mussolini, ma in un periodo successivo agli anni ufficiali delle agende. (Cfr. “Il Corriere della Sera”, 2 e 3 luglio 1994, dove sono pubblicati anche ampli stralci di questi stessi diari, con taluni errori di trascrizione e di datazione).

L’ipotesi dello storico americano, su quella che si può chiamare una “autenticità postuma” di questi diari, è parsa plausibile ad una prima lettura dei diari stessi, ma con molti dubbi, che solo una verifica storica più approfondita del contenuto di tutte e cinque le agende, avrebbe potuto chiarire.

L’indagine storica da me svolta, nel corso dei due mesi previsti dal contratto con il Gruppo Editoriale L’Espresso, si è basata su una sistematica lettura di tutte e cinque le agende, al fine di accertare, per quanto possibile, la veridicità e l’autenticità del loro contenuto.

Tale verifica è stata fatta non per campioni o per periodi particolari, ma seguendo giorno per giorno tutte le annotazioni.

L’esame si è svolto in due fasi. Nella prima, ho proceduto a mettere a confronto le note dei diari con il maggior numero possibile di fonti edite (documenti, diari, memorie) e di opere storiografiche sulla vita di Mussolini e sulle vicende del periodo cui si riferiscono i diari.

In un secondo tempo, ho proceduto a mettere a confronto quotidianamente, per tutto il periodo compreso fra il 1935 il 1939, gli avvenimenti pubblici, gli eventi di cronaca, e anche, dove possibile, le condizioni meteorologiche (una annotazione quasi quotidiana in queste agende) con analoghe notizie della stampa coeva, attraverso una lettura incrociata (nei limiti della disponibilità di consultazione presso le biblioteche) di vari giornali e riviste, fra le quali in particolare “Il Popolo d’Italia”, il “Corriere della Sera”, il “Messaggero” , la “Tribuna”, la “Stampa”, “Gerarchia”, “La rivista illustrata del Popolo d’Italia”, “Annali del fascismo”.

Nei limiti di tempo previsti dal contratto, e data la limitazione regolamentare dei tempi di consultazione degli archivi, non è stato possibile procedere ad un analogo confronto con fonti inedite, salvo qualche occasionale riscontro fatto personalmente dal dottor Riccardo Bocca presso l’Archivio Centrale dello Stato per accertare la data di alcune udienze concesse dal duce a Palazzo Venezia.

Tuttavia, anche limitando la verifica alle fonti edite, è stato possibile formulare una valutazione complessiva sui diari, suffragata da una consistente serie di riscontri oggettivi, sia per quanto riguarda

la novità e l’originalità del contenuto di queste agende, sia, soprattutto, per quanto riguarda la loro autenticità come diari autografi di Mussolini, avendo anche presente, per questa seconda verifica l’ipotesi di una loro possibile “autenticità postuma”.

Dal punto di vista della novità e dell’originalità – che sono stati gli aspetti più agevolmente verificabili attraverso il confronto con le fonti edite e le opere storiche – questi diari non presentano un contenuto documentario particolarmente nuovo e originale per la biografia di Mussolini e per la storia del periodo di cui fu protagonista, rispetto al contenuto di altri diari e memorie di protagonisti del regime fascista, relativi allo stesso periodo, come, per esempio, i diari di Galeazzo Ciano, di Giuseppe Bottai e di altri collaboratori del duce, sia nella politica interna che nella politica estera. Inoltre, si è riscontrata, in queste agende, una singolare mancanza di note su momenti, aspetti e figure che ebbero sicuramente un significato e un ruolo molto importante nella vita politica di Mussolini. Mi limito a segnalare i “silenzi” più rilevanti e meno spiegabili.

In questi diari non vi è mai un resoconto dettagliato o citazioni testuali dei numerosi colloqui che Mussolini ebbe con il re, né vi sono altre notizie che permettano di avere una più ampia conoscenza delle relazioni fra la monarchia e il regime fascista, a parte alcune considerazioni sul problema della “diarchia”, cioè sui rapporti fra il re e il duce, che tuttavia nulla aggiungono a quanto già noto da altre fonti, a cominciare da scritti e dichiarazioni dello stesso Mussolini.

Altrettanto singolare è il carattere prevalentemente descrittivo e impressionistico delle annotazioni sullo svolgimento di eventi di grande

rilievo della politica di Mussolini, come gli incontri di Stresa e di Monaco, e i viaggi del duce in Germania e di Hitler in Italia.

Anche in questi casi, per gli aspetti propriamente storici, i diari non contengono elementi documentari nuovi rispetto a quanto risulta dai comunicati ufficiali e da altri documenti editi; e quasi mai riportano il contenuto dei colloqui del duce, sia ufficiali che privati, mentre abbondano le note di cronaca, simili a resoconti giornalistici, con dettagli e particolari spesso di minimo interesse e di scarso significato.

Rare o generiche sono anche le annotazioni che riguardano la politica interna, il partito fascista e le altre istituzioni e organizzazioni fondamentali dello Stato fascista.

Per esempio, non vi è alcuna considerazione, nel diario del 28 marzo 1937, sulla legge che istituiva il grado di Primo maresciallo dell’Impero, che fu motivo di forte attrito con il re; di questa legge si parla quasi incidentalmente solo nella nota del 16 ottobre successivo.

Anche nei casi in cui il diario dà notizia delle riunioni del Consiglio dei ministri o del Gran Consiglio del Fascismo, le annotazioni sono schematiche oppure si limitano a ripetere sommariamente quanto era reso noto dai comunicati ufficiali pubblicati dalla stampa dell’epoca, mentre nulla o poco riferiscono sull’andamento delle sedute, sugli interventi, sulle discussioni che vi si sono svolte.

Da questo punto di vista, questi diari offrono meno elementi rilevanti per novità e originalità rispetto a quanto è riferito, riguardo agli stessi eventi, da Ciano o da Bottai nei loro diari.

Inoltre, nulla o quasi si trova in queste agende, salvo qualche cenno di cronaca, su altre importanti iniziative del partito che riguardavano l’organizzazione, il funzionamento e il futuro stesso del regime, come, per esempio, l’istituzione della Gioventù italiana del littorio o il conferimento delle funzioni di ministro al segretario del PNF, nel 1937.

Altrettanto scarse e sommarie sono le annotazioni su altri momenti importanti sulla politica interna, come, per esempio, la riforma costituzionale che aboliva la Camera dei Deputati e istituiva la Camera dei Fasci e delle Corporazioni o la riforma della scuola, di cui nel diario vi sono solo cenni aneddotici.

Le note sui principali gerarchi del PNF non vanno oltre commenti generici e giudizi rapidi, ma quasi mai nuovi rispetto a quanto già noto da altre fonti mussoliniane o dalle testimonianze dei suoi collaboratori.

Altri silenzi singolari riguardano le udienze quotidiane del duce a Palazzo Venezia. Di queste udienze si dà molto spesso notizia, talvolta con un breve commento sulla persona, sul motivo o l’argomento del colloquio, ma non appare comprensibile il criterio della scelta per le udienze annotate e commentate.

Infatti, mentre sono spesso menzionate udienze a persone poco note o poco rilevanti, nulla o quasi è annotato degli incontri con importanti personalità della politica e della cultura, come, per esempio, il segretario del partito o il capo della polizia Arturo Bocchini. Un altro esempio: il 22 giugno 1937, è annotata la visita di un modesto ex federale, descritto nel diario come “un uomo insopportabilmente noioso”, mentre non vi è nemmeno un cenno sull’udienza concessa a Giovanni Gentile il 7 agosto successivo, come risulta dai quotidiani, né si parla mai del filosofo nel resto dei diari.

Anche le note relative agli incontri con altri protagonisti di primo piano, come Dino Grandi, Italo Balbo, Giuseppe Bottai, non vanno mai al di là di un rapido commento, e quasi mai accade che venga riferito, più o meno testualmente, al di là di un generico accenno all’argomento, il contenuto dei loro colloqui.

C’è, infine, un’altra lacuna rilevante in questi diari, e riguarda appunti e commenti sui libri letti, che appaiono scarsi per tutti e cinque gli anni, mentre è certo che le note di lettura erano una caratteristica dei diari di Mussolini, come testimonia Emil Ludwig, il quale ne cita alcuni esempi, attinti direttamente dagli originali, che gli furono mostrati dal duce nel corso dei loro colloqui nel 1932,:

Dal cassetto del tavolo, [Mussolini] trasse un diario legato in pelle

rossa, mi mostrò come vi faceva giornalmente note, ciascuna di mezza o d’una pagina; parlò di quest’abitudine, che egli avrebbe preso qui a Roma, circa dieci anni fa; sfogliò e mi lesse, scegliendo alcune cose, con delle pause, i passi seguenti delle ultime settimane: “Terminato il libro di Robespierre sul Terrore… Terminato il libro di Poincaré su Verdun. La sua critica sugli italiani. (Seguono note sul contegno di alcuni reggimenti francesi, con critica)…

Cominciato da giornalista un libro su Napoleone… La marcia ungherese del Faust di Berlioz mi piacque molto… E’ un errore che la deflazione sia una causa della crisi, ne è una conseguenza.

Proviene dal nascondere il denaro. Non è prodotta dal governo, bensì dai capitalisti che nascondono il loro denaro… Morto Briand.

Non ha osteggiato l’Italia. Ei morì quando la Francia ufficiale volle distruggere la sua politica conciliativa. A ciò egli ha sopravvissuto un anno. Pieno di talento e di idee, ma è giusto il giudizio di Poincaré che egli fosse un bohémien… Ho letto il libro di Siegfried sulla crisi inglese, e a pagina 195 egli dice che l’Inghilterra è come un battello ancorato nelle acque europee, ma sempre pronto ad avventurarsi fuori… Il Banco di San Giorgio a Genova, la prima società anonima del mondo…” (E. Ludwig, Colloqui con Mussolini

Milano, 1932, pp.208-209).

La scarsa novità e originalità di questi diari, i numerosi silenzi e lacune, come pure il loro carattere prevalentemente descrittivo e impressionistico non costituiscono di per sé un motivo sufficiente per negare anche la loro autenticità, tanto più che una giustificazione, sia per le lacune che per il carattere spesso cronachistico, episodico, impressionistico e aneddotico del contenuto di queste agende, sembra data dal loro stesso autore col pensiero rivolto ai futuri lettori. Per esempio, alla data 12 agosto 1935 si legge:

In questo mio giornale “quotidiano” scrivo quanto mi appare più limpido e chiarificatore nel corso della giornata, esprimo i miei pensieri, racconto brevi episodi di ogni giorno. Le mie considerazioni

sui vari fenomeni della natura. Quanto è accaduto e quanto può accadere. Immagini a scatto rapide e sostanziose. Non rivelo segreti (che non ho) né retroscena politici né intrighi diplomatici né particolari sconosciuti su tanti personaggi che si orientano nella mia giornata, dei quali pochissimi adamantini – pochissimi fidati – e quasi tutti mossi da personali interessi come vuole la regola della vita umana.

E ancora, alla data 12 novembre 1937 (data manoscritta nella pagina del 10 novembre):

mi compiaccio di interessarmi nel mio giornale su argomenti passeggeri non impegnati ed evitare quei fatti che è spiacevole ricordare.

In conclusione, per quanto riguarda la novità e l’originalità di questi diari, si può dire che il loro contenuto non è particolarmente innovativo per la conoscenza della vita di Mussolini e del periodo storico di cui fu protagonista, almeno per quanto riguarda le vicende politiche.

Inoltre, la concordanza, riscontrata attraverso numerosi confronti, fra le fonti edite e il contenuto di questi diari, se da una parte potrebbe essere considerata una conferma della loro veridicità, d’altra parte lascia tuttavia molto perplessi, proprio perché, come si è già detto, per quanto è stato possibile accertare, non vi è nei diari nulla di significativo e di importante che non si trovi già in altre fonti edite pubblicate prima o dopo la morte di Mussolini. Pertanto non si potrebbe escludere l’ipotesi, in mancanza di altre attendibili prove di autenticità, che questa concordanza derivi dalle stesse fonti edite, alle quali avrebbe attinto Fautore dei diari.

In ogni caso, la novità e l’originalità di queste agende, se ne fosse dimostrata con prove inconfutabile 1’autenticità, consisterebbe principalmente nell’immagine di Mussolini che vi è rappresentata, perché, per molti aspetti, è un’immagine che contrasta nettamente con l’uomo e il personaggio politico come appare da altre testimonianze e documenti.

Il Mussolini di questi diari si presenta come un uomo alquanto romantico e sentimentale, quasi crepuscolare, che ama annotare intime impressioni, emozioni, stati d’animo, vagheggiamenti e desideri; è un uomo solo, solitario, misantropo, padre e marito affettuoso, che tesse spesso nel diario le lodi della moglie per il suo carattere e la sua saggezza, anche se non mancano allusioni o velati accenni ad avventure extraconiugali con altre donne,e che soprattutto predilige la famiglia e la quiete familiare:

23 febbraio 1936 “Varcata la porta della mia casa divento il più felice degli uomini, perché ho una famiglia, delle creature che amo e che mi amano. Mi sento sicuro per tutto, posso finalmente avere fiducia”.

A questo ritratto dell’uomo Mussolini, del tutto opposto al personaggio storico, che proiettava pubblicamente di sé l’immagine di un uomo che seguiva quotidianamente la massima "vivere pericolosamente", si accompagna l’immagine di un uomo politico, che è quasi un duce riluttante, spesso in contraddizione con il capo politico e il personaggio pubblico quale appare da altri documenti, dai diari e dalle memorie dei suoi più intimi collaboratori.

Per esempio, il Mussolini di questi diari non è animato dalla passione della politica e del potere, detesta la teatralità delle cerimonie e dei rituali, non ama essere adulato e adorato dalle masse (1 agosto 1939: "Mi considerano un nume un iddio un chi sa chi (o mi consideravano – o non mi hanno mai considerato tale – o mi hanno considerato soltanto per quella insana e primordiale mania di adorare un meticcio [sic!] qualunque"), che rivela tratti di consapevole umiltà (21 settembre 1939:"Mi credevo un superuomo!! Oggi mi sento un povero diavolo che faccio [sic!] sforzi immani per mantenermi in equilibrio, per esercitare il potere che mi ha affidato il destino") ed è un dittatore suo malgrado, spesso disobbedito o ingannato, prigioniero più che capo di un sistema politico che osserva e giudica quasi fosse un osservatore estraneo, e non il fondatore e il duce del regime fascista, sul quale esprime spesso commenti molto negativi, anche sprezzanti, così come si esprime sprezzantemente nei confronti della massima parte dei suoi collaboratori, compreso Galeazze Ciano, di cui il Mussolini di questi diari sembra tuttavia essere talvolta un succube consapevole.

Inoltre, il duce di questi diari appare quasi sempre contrario alle scelte più importanti della politica fascista, quasi fossero decisioni prese da altri contro il suo parere, e spesso confida al diario la sua opposizione ad iniziative più gravi, nel momento stesso in cui le fa approvare, come, per esempio, nel caso della legislazione antisemita: ’77 consiglio dei ministri di ieri – si legge nella nota del 13 novembre 1938 – vota la legge per la difesa della razza. Si vorrebbero espellere gli ebrei dal Partito. No – non approvo"; e, ancora, nella nota dell’ 11 febbraio 1939: ‘7o sono contro le leggi razziali.

Gli ebrei vivano come hanno sempre vissuto. La razza ariana o no per me è la stessa cosa ".

Infine, il Mussolini di questi diari non solo odia e teme Hitler, ed è contro la guerra nel 1939, ma dichiara spesso di non avere ambizioni di espansione territoriale, neppure nel Mediterraneo: non vuole “occupazione dell’Albania, non vuole la Corsica, la Tunisia, Nizza, e alla fine depreca persino l’avvenuta conquista dell’Etiopia come un’impresa inutile.

L/immagine di un Mussolini buon uomo, dittatore bonario, duce riluttante e debole; politico disinteressato, unicamente dedito a servire la patria e gli interessi della nazione, potrebbe apparentemente corroborare l’ipotesi della "autenticità postuma" di questi diari, nel senso che sarebbero stati scritti o riscritti da Mussolini stesso dopo il 1940, con evidenti intenti apologetici di autogiustifìcazione e di autoassoluzione.

Anche l’immagine di un Mussolini intimista, malinconico e solitario, potrebbe apparire come un elemento di conferma della autenticità dei diari, poiché corrisponderebbe alla descrizione che del contenuto dei diari originali hanno dato i figli di Edvige Mussolini: all’origine dei diari (s’intende che parliamo qui delle agende 1921-1940, delle quali abbiamo avuto conoscenza diretta, e non di quelle degli anni successivi) sta la solitudine, intima e politica, dell’uomo che li ha redatti. Nella lettera con la quale affidava le agende alla sorella, Benito Mussolini definiva amara la sua solitudine […] un diario, che era un po’ pro-memoria e un po’ confessione, riflessi così sobri, alieni dalla polemica e dal rancore come dall’orgoglio, volta a volta precisi nella obiettività di un ricordo o immalinconiti da un rimpianto. (E. Mussolini, Mio fratello Benito, Firenze 1957, p. 231).

Un’altra caratteristica peculiare di questi diari è la presenza di prolissi resoconti dei frequenti viaggi fatti dal duce in varie regioni d’Italia, annotati fin nei minimi dettagli, con l’elencazione dei singoli paesi, villaggi e borghi incontrati lungo il percorso, e persino con l’indicazione delle svolte, delle salite e delle discese, fino alle soste perla merenda.

E altrettanto prolisse e dettagliate sono le note che descrivono le visite del duce a stabilimenti, cantieri, fabbriche, opere in costruzioni, delle quali sono citate sempre, con ostentata pignoleria, le dimensioni, le caratteristiche tecniche, le funzioni.

Anche questa dovizia di particolari, apparentemente inediti e personali, potrebbe avvalorare l’ipotesi dell’autenticità di questi diari, anche nel senso di una "autenticità postuma", poiché lo stile e l’intonazione di questo tipo di annotazioni, spesso accompagnate da esclamazioni malinconiche o entusiastiche di amore per la vita e per la natura, appaiono coerenti con l’immagine dell’uomo Mussolini che questi diari descrivono.

In verità, proprio queste annotazioni sono state la fonte della maggiore perplessità sull’autenticità dei diari, a causa della frequente concordanza, spesso letterale, fra il testo delle agende e le cronache dei giornali, che trattano gli stessi avvenimenti.

Dal momento che questo genere d’annotazioni costituisce una parte molto ampia di queste agende, credo sia utile citarne vari esempi, tratti da anni diversi, mettendo a confronto le note del diario con la cronaca di alcuni giornali:

Diario 20 febbraio 1935

“La Tribuna” 20 febbraio 1935

Esteso rimpianto aerodinamico riunito con un

Grande fabbricato dove vi sono sei gallerie

Del vento. Una avente 4 metri di diametro

Con una potenza soffiante di 13 cavalli e una

Velocità del vento di 360 km l’ora. 4 gallerie

Di 3 mt di diam. Con potenza soffiante di 450

Cavalli e una galleria verticale di 3 mt Di

Diam. Con potenza soffiante di 80 cavalli alfa

Circa 30 metri. La galleria verticale (di cui

esistono solo 3 esemplari al mondo)

permette di studiare il comportamento

dell’area in perdita di velocità in vite e altre

manovre acrobatiche.

Diario, 15 agosto 1935

le riviste sullo scenario pacato dei monti del

Matese dolcemente velali dall’ ultimo sole

Non meno importante è l’impianto

aerodinamico riunito in un grande fabbricato.

In complesso ci sono sei gallerie del vento:

una avente 4 metri di diametro con potenza

soffiante di 1300 cavalli e velocità massima

di 360 chilometri all’ora; quattro di diametro

di due mt. Con potenza soffiante di 450 cavalli

cadauna, e una verticale, di tre metri di

diametro con potenza soffiante di 80 cavalli

alta circa 30 metri. La galleria verticale di

cui esistono al mondo soltanto tre esemplari,

permette di osservare e studiare il

comportamento dell’aeroplano in “perdita di

velocità” in vite e in altre manovre

acrobatiche.

"II Popolo d’Italia" 16 agosto 1935

le riviste sullo scenario pacato dei monti del

Matese si illuminano degli ultimi raggi del

sole al tramonto

Diario, 25 agosto 1936 "Corriere della Sera", 26 agosto 1936

“Corriere della Sera, 26 agosto 1936

Stamane di buon ora visita alla truppa

operante in tutta l’Irpinia. Lascio Avellino

particolarmente suggestiva. La città vecchia

mi piace, fra strade e vicoli emerge il duomo

vetusto, solenne, mentre la città nuova è tutta

ridente fra il verde.

San Polito Ultra, Paroline e Salza Irpinia

sono borghi rurali […]A Volturara la strada

sale a Monte Marano alla piana del

Dragone sfileranno le truppe che

partecipano alle grandi manovre. In inverno

la Conca del Dragone raccoglie le acque che

sorgono dal terreno per le falde loriche

sotterranee e per le fiumane che si

rovesciano dalle alture circostanti e si

trasforma in un lago ~ ma in primavera le

acque per un fenomeno carsico si ritirano "

scompaiono e la valle si trasforma in una

zona erbosa fiorita invitante a! pascolo ai

numerose greggi.

Sosta piacevolissima presso Ponte Romito –

all’ombra di un gigantesco castagno mi

fermo. Colà mi viene offerta una frugale

merenda. Ritorno ad Avellino abbastanza

stanco.

Diario, 26 agosto 1936

Salgo al santuario di Monte Vergine – vi si

giunge per una strada impervia fra le selve

della Valle della Guardia e la dura salita del

Portento, Ad Ospedaletto d’Alpinolo la via è

cosparsa di lauro e di mirto! […] Visito

attentamente il Santuario riccamente adorno

di marmi e di affreschi e custode di leggende

e di lontane memorie.[…J Pare che gli Osci

vi avessero eretto un tempio a Cibele che

Virgilio vi salisse per apprendere dai

sacerdoti della Dea le profezie sibilline.

Mussolini ha lasciato il campo assai di buon

ora.[…J ha percorso quella parte della città

che è raccolta intorno al vecchio Duomo e

che con le sue strade strette e contorte

presenta un vìvo contrasto con la parte più

moderna.

San Polito Ultra, Paroline e Salza Irpinia,

villaggi ove la popolazione, schiettamente

rurale[…] Oltre il bivio di Volturara la

strada sale verso Monte Marano, è apparsa la

piana del Dragone[….] La grandiosa conca,

che nel periodo invernale è sommersa

dall’acqua per innalzarsi della falda idrica

sotterranea e per l’apporto dei torrenti che vi

giungono da tutte le alture circostanti,

costituisce in estate una preziosa zona di

pascoli opimi[…] In primavera, per un

singolare fenomeno carsico, le acque raccolte

in inverno vengono riassorbite dagli oscuri

meandri calcarei e nella piana prosciugata

trasmigrano i pastori.

Presso Ponte Romito, all’ombra di un

gigantesco castagno, il Capo del Governo ha

sostato a consumare sull’erba il suo ‘rancio’.

Poi ha fatto ritorno ad Avellino.

“Corriere della Sera”, 27 agosto 1936

per la via tagliata tra i rigogliosi frutteti e i

bei boschi della Valle della Guardia, e presto

ha attaccato l’aspra salita del Partenio.

Ospedaletto d’Alpinolo a una svolta della

strada è apparsa d’improvviso tutta

agghindata a festa con le vie ricoperte di un

verde e profumato tappeto di foglie di lauro e

di mirto.[…] Si inizia allora la visita al

santuario ricco di marmi e affreschi, di

reliquie e di fascinose leggende[…]Non è

stato detto che sorge la dove gli Osci

avevano eretto un tempio a Cibele e che

Virgilio venne ad apprendere dai sacerdoti

della dea il senso delle profezie sibilline?

Diario, 27 agosto 1936

"Corriere della Sera" 28 agosto 1936

Giornata laboriosa. Non sono ancora le sette

quando esco da Avellino.[…] Dopo la visita

alle miniere di zolfo a Tufo mi compiaccio di

una sosta sotto un folto di castagni. […]

Colazione al sacco. Dalle auto vengono

recate delle provviste. Si aprono i cestini

delle cibarie. E’ il tocco passato quando il

viaggio riprende sotto un sole infuocato

verso Potenza.

II duce ha avuto una giornata

laboriosissirna…alle 7 egli usciva da

Avellino […] A Tufo Mussolini scende per

pochi miniti. Egli è atteso alle miniere di

zolfo…Poco dopo Altavilla Irpinia

l’autocolonna si ferma un’altra volta. Il Duce

scende e si avvia con il seguito verso un folto

di castagni. Dalle macchine vengono portati i

cestini con provviste. Merenda sull’erba. E’

il tocco passato. Il sole dardeggia nel

pomeriggio quando il Duce riprende il suo

viaggio verso Potenza.

Diario, 27 agosto 1936

"Corriere della Sera", 29 agosto 1936

Sul fianco del ripidissimo costone che

Precipita nella valle sia aprono centinaia di

abitazioni troglodite. Siamo in dietro almeno

di diecimila anni! I vecchi governi anche

quando ebbero uomini delle Lucania non si

occuparono di questa regione che è

l’immagine della miseria (…) Il “sasso”

dovrà sparire e rimanere soltanto

un’attrattiva per turisti.

Sui fianchi del ripidissimo costone che

precipita a valle – vera bolgia dantesca – si

aprono centinaia di abitazioni trogloditiche. I

vecchi Governi, anche quando ebbero a capo

uomini di Lucania, evitarono sempre di

occuparsi di questa dolorosa bruttura (…)

Fino quando l’intero “sasso” sparirà e

rimarrà soltanto come una attrattiva per i

turisti.

Diario, 31 marzo 1939:

"La Stampa", 1 aprile 1939:

incontro con una fanciulla – medaglia d’oro

appuntata sul petto – è la sorella

dell ‘aviatore Minniti – selvaggiamente

trucidato dagli abissini.

Salgo sull ‘arengo.

I moschettieri snudano i pugnali, le insegne

sfavillano nei sole, labari orifiammi

gagliardetti, i volti, i cuori, gli animi protesi

in un deciso e spontaneo lancio

generoso. (…) seguono la visita al porto in

via di ampliamento. Vi è un Gruppo

sperimentale delle Essenze.

La Calabria produce bergamotto su

ventimila ettari. Il nuovo quartiere delle case

popolari è già realizzalo. 12 lire al mese di

pigione, locali puliti confortevoli, impiantì

igienici; orto e giardino – non e ‘è male!!

Poco oltre è una signorina vestita di nero,

anch’essa con il segno di una medaglia

d’oro. Il Duce la chiama a sé e si intrattiene

brevemente con lei: è la sorella dell’aviatore

Minniti, caduto prigioniero degli abissini e

orrendamente seviziato agli inizi

dell’impresa.[.-.]0ra il Duce sale

sull’arengario.[…] I Moschettieri snudano i

pugnali: mani, fazzoletti, berretti, l’acciaio

dei moschetti e delle baionette, le sete e gli

ori delle insegne, i volti, i cuori, gli animi,

tutto è proteso verso di Lui.[…]La prima

visita è per il porto dove sono in corso

notevoli lavori di ampliamento. […]Poi breve

sosta al Gruppo sperimentale delle essenze,

dove è offerta al Duce la documentazione di

un autentico primato della provincia di

Reggio (la produzione del bergamotto si

estende su un’area di 24 mila ettari [….]Le

case, la cui pigione non supera le dodici lire

mensili, sono circondate da un orto

giardino: piacciono al Duce, che ne loda la

struttura.

Diario, 14 marzo 1939

"Corriere della Sera” 15 marzo 1939

Oltre ponte Milvio dopo la piazza Cardinal

Consalvi sorge un fragoroso cantiere si

costruisce il nuovo ponte "28 ottobre"

cinque arcate lunghezza 440 metri. 160 mila

giornate lavorative. Non e ‘è male. Ritorno a

ponte Milvio e vado alle pendici di Monte

Mario – profumo di eucalipti, fragranza di

pini […]. Sono nella distesa del "Foro

Mussolini" sopraluogo ai lavori di

ampliamento della Casa Littoria – nove

piani – i 200 ambienti, lavoro per tutti.

Oltre ponte Milvio dopo la piazza Cardinal

Consalvi sorge un fragoroso cantiere si

costruisce il nuovo ponte "28 ottobre"

cinque arcate lunghezza 440 metri. 160 mila

giornate lavorative. Non e ‘è male. Ritorno a

ponte Milvio e vado alle pendici di Monte

Mario – profumo di eucalipti, fragranza di

pini […]. Sono nella distesa del "Foro

Mussolini" sopraluogo ai lavori di

ampliamento della Casa Littoria – nove

piani – i 200 ambienti, lavoro per lutti.

Sono al ponte "Duca d’Aosta" in via di

ultimazione. Lunghezza 224 mi, largo 35 mt.

una sola campata centrale di 100 mt e due

laterali piccole ricadenti sulle golene a i 22

mt ciascuna. I piloni centrali avranno

bassorilievi ispirati alla III Armata del duca.

Questo ponte ha dato lavoro a 300 operai

per due anni. Ritorno sul Lungo Tevere dove

sorgeranno altri tre ponti. Il ponte "Africa"

che collocherà la stazione di Trastevere con

viale Africa a valle di ponte Sublicio –

pronto nel ’40. Ha un ‘unica luce di 96 metri.

Il ponte "San Paolo" in prossimità della

Basilica che unirà Trastevere con la zona

dell’ "E. 42 ". Avrà la campata centrale

apribile per le esigenze della navigazione.

Sarà attivato nel ’40.

nuovamente la colonna delle autovetture

si snoda e si dirige su Ponte Milvio. Anche

qui, sulla sinistra del Tevere, dopo piazza

Cardinal Consalvi, è un cantiere fragoroso di

opere intense […] Ponte 28 Ottobre. Il ponte

è a cinque arcate ed ha una lunghezza di m.

440 [..^Richiederà l’impiego di circa 160

mila giornate lavorative,[…]Il Duce, risalito

in automobile, procede ora attraverso ponte

Milvio per la zona del Foro Mussolini entra

in un vastissimo cantiere alle pendici di

Monte Mario coronate di eucalipti e di

giovani pini.[..]Si tratta di un monumentale

edificio che in circa 1200 ambienti distribuiti

in nove piani[-..] Alla visita alla Casa

Littoria […] segue quella al ponte "Duca

d’Aosta" in via di ultimazione. Il ponte è

largo m.35, lungo 224, con una campata

centrale di 100 metri e due piccole campate

laterali ricadenti sulle golene di 22 metri

ciascuna. I quattro piloni terminali avranno

bassorilievi marmorei ispirati ad episodi

della gloriosa Terza Armata […]"Duce!

Questo ponte – voluto da Voi – ha dato

lavoro a 300 operai".[..,] E la corsa riprende

lungo il fiume, verso i lavori dei tre nuovi

ponti[…]il ponte d’Africa, a valle del ponte

Sublicio, che collegherà il Viale Africa con

la nuova stazione di Trastevere [..] sarà

ultimato entro il 1940.

Una così frequente concordanza, di cui ho citato soltanto alcuni

esempi più evidenti, fra note di diario e cronache di giornale, in tutte e

cinque le agende, potrebbe esser spiegabile con l’ipotesi della

"autenticità postuma", cioè immaginando un Mussolini che scrive o

riscrive i suoi diari durante la seconda guerra mondiale, rinfrescandosi

la memoria e con la lettura dei giornali o utilizzandoli per ricostruire lo

svolgimento dei suoi viaggi e delle sue visite.

In questo caso, se fosse dimostrata la validità di questa ipotesi, ci

troveremmo di fronte alla realtà di un Mussolini il quale, per compilare

"a posteriori" le sue note, non solo si sarebbe avvalso ampiamente della

stampa dell’epoca, ma avrebbe addirittura commesso veri e propri plagi,

copiando o parafrasando le cronache dei giornali.

Tuttavia, neppure Fipotesi di un Mussolini plagiario, che dedica

tanto tempo a trascrivere dai giornali i suoi diari "postumi", per quanto

sia in sé inverosimile, potrebbe essere una dimostrazione certa della loro

autenticità, perché, se anche si accettasse questa ipotesi, resterebbero

ancora inspiegabili altre numerose anomalie, delle quali saranno citati

alcuni esempi, così suddivisi;

1. Nomi errati ed errori grammaticali

2. Discordanze cronologiche

3. Incongruenze

4. Inesattezze

NOMI ERRATI ed ERRORI GRAMMATICALI

28 maggio 1935:

A proposito del conseguimento del brevetto di pilota del figlio Bruno si legge: “L’istruttore maggiore Testone”. Tutti i giornali coevi, dando la notizia, scrivono Angelo Tessore, nome esatto confermato anche dal brano sul fratello Bruno di Vittorio Mussolini, che lo stesso duce cita nel libro Parlo con Bruno: “ebbe come istruttore il maggiore Tessore Angelo” (p.211)

4 giugno 1935 e 11 dicembre 1935:

Vansittard” e “Vansittar sottosegretario permanente al Foreign Office” invece di Vansittart

3 dicembre 1935:

Edoardo Ganna nuovo federale per l’Eritrea”, invece di Leonardo.

7 marzo 1936:

Un fatto eccezzionale”.

22 ottobre 1936

Approva programma Maggio musicale (lo dice il “Messaggero” 23 ottobre) e cita “…L’incarnazione di Poppea, Monteverdi (non la conosco)” invece di incoronazione.

24 giugno 1937:

Mario Apelius” invece di Appelius

25 agosto 1937

Canigatti” invece di Canicatti.

26 settembre 1937:

Neubundeburg” invece di Neuebrandenburg

4 dicembre 1937:

Il conte di Moldano” invece che Mordano.

21 febbraio 1938:

Hitler ha parlato a Berlino. Se le presa con Eden e Chamberlain”

3 luglio 1938:

Sono passati 20 anni da quando ho fatto il primo volo. Luglio 1918….Lo pilotava l’asso Mario Stoppani” invece di Antonio.

1 aprile 1939:

Verso Castello Arnone” invece di Cancello Arnone.

23 giugno 1939:

Sono a Norciana di Romagna” invece di Morciano di Romagna.

20 settembre 1939:

i discorsi imprudenti di Churcill” invece di Churchill.

27 settembre 1939

il movimento popolare iniziato da Marx ed Hegel e seguito da Lenin” invece di Engels

10 ottobre 1939:

E’ la terra dei grandi maestri: Marx, Hegel, Niezsche” invece di Nietzsche.

24 ottobre 1939

da Nietzsche alla “Meriade” di Federico Klopstock” – invece di Messiade.

8 dicembre 1939: “Gli altri? A parte qualche eccezzione sono quieti e fiduciosi”.

(1939) foglio sparso senza data: “Adolf Hitler. Chi è costui? Un uomo eccezzionale

2. DISCORDANZE CRONOLOGICHE

2 aprile 1935:

Nel tardo pomeriggio apparizione teatrale del Marajà

“Il Popolo d’Italia” (“Roma, 2 notte. Ieri nel pomeriggio”) e il “Messaggero” (“Ieri l’altro nel pomeriggio il Duce ha ricevuto il Maharja”) del 3 aprile riferiscono che la visita è avvenuta il 1 aprile.

6 giugno 1935:

Ricevo….la professoressa Elisabetta Hazelton Haight”.

La nota riproduce quasi letteralmente il comunicato pubblicato dalla stampa del 6 giugno, da cui risulta che la visita era avvenuta il 5 giugno.

12 luglio 1935:

Stamane ho firmato la convenzione consolare tra l’Italia e la repubblica polacca”

I giornali del 12 luglio scrivono, a proposito di questa notizia, “ieri”

19 luglio 1935:

Ieri Oppo è stato ricevuto (…) Oggi i piloti civili

“Il Popolo d’Italia” del 20 luglio scrive che Oppo è stato ricevuto il 19 e il “Messaggero” del 21 luglio scrive che i piloti furono ricevuti il 20 luglio.

23 luglio 1935:

Vado a Modigliana

I giornali danno la notizia il 23 ma si riferiscono al 22 luglio pomeriggio.

13 agosto 1935

La conferenza del Tripartito avrà luogo dopodomani 15 agosto

Nel suo diario, l’ambasciatore Pompeo Aloisi, che partecipò alla conferenza (Journal, Paris 1957, p.295), scrive che la conferenza iniziò alle 10,30 del 16 agosto.

6 settembre 1935:

Nella seduta del 5 sett. Aloisi ha ottenuto che il preciso e dettagliato piano italiano sia esaminato da un Comitato che dovrà riferire al Consiglio della SdN. Oggi il Consiglio ha iscritto la questione etiopica all’ordine del giorno”.

Le date non corrispondono con il diario di Aloisi, il quale scrive: “6 septembre….Nous continuons durant toute la matinée les tractations pour la nomination du Comité de SDN, qui examinera la question italo-éthiopienne. Je maintiens fermement mon point de vue: que l’Angleterre ne fasse pas partie du comité ed qu’il soit composé de petites nations….Ainsi, à la séance de 17 heures, le comité est crée. »

(Journal, pp.300-301)

7 ottobre 1935 :

Ho mandato una lettera al ministro Samuel Hoare tramite l’ambasciatore a Londra: Grandi”.

La lettera era stata consegnata da Grandi a Hoare il 4 ottobre.

Mussolini ne parlò con Jules Sauerwein del “Paris-Soir” il 6 ottobre (cfr. Opera Omnia, XXXVII, p.XLI) e l’intervista fu pubblicata sul “Popolo d’Italia” il 7 ottobre: “Ho fatto rimettere a Sir Samuel Hoare….una lettera indirizzata al nostro ambasciatore a Londra”.

2 novembre 1936:

La descrizione della sequenza delle visite compiute a Milano, Pavia e altre località lombarde nei giorni del 2 e 3 novembre è del tutto in contrasto con la sequenza descritta dai giornali consultati. Per esempio, nel diario si dà per avvenuta il 2 novembre la visita a Lonato Pozzolo e agli stabilimenti della SIAI, che secondo il “Corriere della Sera” e altri quotidiani sarebbe invece avvenuta il giorno 3 novembre, al ritorno da Pavia, dove Mussolini effettivamente si recò il 3 novembre, come riferito nel diario. Il diario inoltre annota al 2 novembre la partenza in treno da Milano alle 19,30 sul treno presidenziale, per andare a Pavia, ma nel diario stesso si legge il 3 novembre “Arrivo in macchina alle 9 in Piazza Dante a Pavia”, mentre nella stampa risulta che la partenza in treno da Milano alle 19,30 riguarda il ritorno a Roma il giorno 3 novembre.

14 gennaio 1937:

Visita complessa della Giunta Direttiva dell’Associazione naz. Volontari di guerra. Il presidente Coselschi offre una statua di Cesare Augusto”.

“Corriere della Sera”, “Il Messaggero” e il “Popolo d’Italia” del 13 gennaio scrivono che la visita è avvenuta il 12.

25 febbraio 1937

A Milano al Castello Sforzesco il cardinale Schuster ha pronunciato un discorso”

Il discorso è stato pronunciato il 26 ottobre come risulta dalla cronaca del “Corriere della Sera” e del “Popolo d’Italia”.

14 aprile 1939:

Oggi si è fatto un esperimento antiaereo qui a Roma

Nel “Messaggero” del 14 aprile si legge, con riferimento al 13 aprile: “Ieri mattina….Il Duce ha seguito tutto l’esperimento” dalle 10 alle 13.

3. INCONGRUENZE:

13 febbraio 1935:

Sono in incognito” (ad uno spettacolo all’Augusteo)

Nel “Messaggero” del 14 febbraio si legge: “…in un altro palco il Duce…Al termine dell’inno coristi e pubblico rivolti verso il palco ove era il Duce, gli hanno tributato una calorosissima manifestazione prolungatasi per vari minuti”.

16 giugno 1935:

Le mie meditazioni vengono interrotte dalla visita dell’elegante e festaiolo Prezzolini”.

Prezzolini fu ricevuto il 15 giugno, come risulta dalla cronaca dei giornali e dalla consultazione del registro delle udienze, fatta dal dr. Bocca presso l’Archivio Centrale dello Stato; sembra inoltre strano che Prezzolini apparisse “festaiolo” al duce in quell’incontro, se in quella stessa occasione, come sappiamo da testimonianza dello stesso Prezzolini, questi diede a Mussolini la notizia della morte del figlio Alessandro: “ricordo – racconta Prezzolini nelle memorie – che non disse nulla, ma si tenne in piedi diritto, senza parlare per un minuto. Come se volesse commemorare mio figlio”. (Prezzolini, L’italiano inutile, Milano 1953, pp.181-182). Inoltre, sembra anche singolare questa unica, laconica e insignificante annotazione su un personaggio come Prezzolini, che aveva contato molto nella formazione e nell’attività giornalistica e politica di Mussolini, e del quale il duce parlò spesso con il suo biografo ufficiale (cfr.Yvon De Begnac,

Palazzo Venezia, Roma 1950 e ld., Taccuini mussoliniani, Bologna 1990).

16 luglio 1935:

Visita del sig. Kaltenborn capo ufficio stampa della Colombia. Mi parla di Bogotà edificata a 1611 mt. sulla Cordigliera”. 17 luglio: “Confermo quanto dissi a Kaltenborn io peroro la causa di una estesa impresa coloniale sul territorio abissino piuttosto di una guerra di conquista.

Hans v.Kaltenborn incontrò effettivamente Mussolini nel 1935, e durante quest’ultimo colloquio parlò col duce della questione di Etiopia. (Cfr.H.v.Kaltenborn, Fifty Faboulous Years, 1900-1950, New York 1950, pp.194-195; ld., It Seems Like Yesterday, New York 1956, pp.60-61), ma l’incongruenza di questa annotazione sta nel fatto che Kalternborn non era capo dell’Ufficio stampa della Colombia intesta come lo Stato dell’America latina, come sembra intendere l’autore del diario, ma lo era della Columbia Broadcasting Corporation, come si legge anche nel comunicato dell’udienza pubblicato sui giornali, e quindi non si capisce perché avrebbe dovuto parlare al duce di Bogotà (che è a 2650 metri e non 1611).

10 novembre 1935:

Il re ha manifestato (sic!) il comando della spedizione della prossima avanzata a Badoglio togliendolo a De Bono. In tal modo si darebbe soddisfazione all’Esercito che potrebbe essere sottovalutato dal prestigio della Milizia, di cui De Bono ebbe il primo comando”.

Mancano evidentemente alcune parole o un’intera frase.

4 dicembre 1935:

Ieri conversando con la mamma di Corridoni signora Enrichetta ricordammo la lettera che Filippo scrisse nel ’15: ‘Andiamo a combattere per la Francia invasa il Belgio martire e l’Inghilterra minacciata’. Oggi quelle nazioni immemori del sacrificio di tanti italiani per loro ci ricambiano ponendosi a livello della selvaggia Etiopia”.

La lettera della signora Corridoni è citata con un commento quasi letteralmente simile a questa nota di diario, ne “La Tribuna” del 3 dicembre, ma nel giornale viene detto che la lettera fu citata durante l’incontro di Mussolini con madri e vedove dei caduti della Grande Guerra, avvenuto il 1° dicembre, di cui si parla nel diario del 1° dicembre, ma senza citare la madre di Corridoni. Fu nel discorso tenuto in quella occasione che Mussolini si espresse nel modo citato nel diario del 4 dicembre. Disse Mussolini nel discorso del 1° dicembre: “Non è senza emozione che ieri leggevo la lettera della madre di Filippo Corridoni, che ricordava il messaggio lanciato dal figlio, nell’atto di partire per il fronte, all’Unione sindacale milanese: ‘Andiamo a combattere per la Francia invasa, il Belgio martire e l’Inghilterra minacciata’. Ora quelli che noi abbiamo aiutati, congiurano contro l’Italia”.

12 marzo 1936:

"Visita di Ines e Wanda Oraziani consorte e figliola del generale — mi

portano in dono, un cimelio requisito a Neghelli. Due gentili e

graziose signore. "

La visita, resa nota da un comunicato stampa, non fu casuale,

come sembra dalla nota del diario, ma avvenne per un motivo preciso,

come risulta dal telegramma di Mussolini a Rodolfo Oraziani del 12

marzo: "Per tagliare corto alle stupide vociferazioni, appena ricevuto

vostro telegramma ho chiesto di vedere Vostra moglie e Vostra figlia,

che sono venute a Palazzo Venezia" {Opera Omnia , XLII, p.144). E’

strano che nulla sia detto nel diario del motivo che aveva provocato la

visita ne del telegramma a Oraziani.

1 marzo 1938:

"Nelle mie udienze introducono uno strano personaggio si chiama

Coselschi offre opuscoli quaderni e volumi una quantità

impressionante e ingombrante. Tutto a sfondo antibolscevico.”

Il duce conosceva bene Eugenio Coselschi e lo aveva ricevuto

altre volte, per esempio il 21 settembre 1935, come risulta dai giornali,

quando riferì al duce sul convegno d Montreaux, e ancora il 13

gennaio 1937, come è scritto in questo stesso diario.

30 marzo 1938

"Parlo al Senato dopo 13 anni di silenzio. 2 aprile del 1925".

In realtà Mussolini, come capo del governo, aveva parlato in

molte occasioni al Senato dopo il 1925. Nel discorso del 30 marzo 1938, le sue parole furono: "Sono esattamente passati tredici anni dal

giorno in cui – 2 aprile 1925 – io ebbi l’onore di parlare dinanzi a voi

su problemi di carattere militare." (Opera Omnia, XXIX, p.74).

23 luglio 193 8:

"Invio al Popolo d’Italia un articolo sulla questione della razza

argomento trascurato in passato ma di notevole importanza soprattutto

dopo la conquista dell’Impero."

Nel diario di Giorgio Pini, alla data del 25 luglio 1938, si legge:

"25 luglio… Chiama dalla Romagna….Mi avverte che sarà diramata

una dichiarazione di studiosi razzisti, compiacendosi di rilevare fra loro

alcuni nomi noti. Aggiunge che manderà un suo corsivo sullo stesso

argomento". (G.Pini, Filo diretto con Palazzo Venezia, Rocca San

Casciano, 1950, p. 158)

11 novembre 1938:

"Consiglio dei ministri. Poco rilievo. Assemblea senza storia”

Singolare che venga definito di "poco rilievo" il Consiglio dei

ministri, che si era tenuto il 10 novembre e non FU, ed aveva

approvato su proposta del duce il decreto legge recante i

provvedimenti per la difesa della razza italiana, secondo le

deliberazioni del Gran Consiglio del 6 ottobre 1938.

1 agosto 1939:

"Mi considerano un nume un iddio un chi sa chi (o mi consideravano

o non mi hanno mai considerato tale – o mi hanno considerato

soltanto per quella insana e primordiale mania di adorare un meticcio

[sic!] qualunque"

Invece di feticcio, come sarebbe stato più logico nel contesto

della frase.

Il agosto 1939:

"un modesto funzionario del Foreign Office – certo Strang".

William Strang era una delle principali personalità del Foreign

Office, inviato in quel periodo a Mosca con una delegazione inglese

per colloqui con Molotov; la sua attività a Mosca fu ampiamente

seguita e commentata dalla stampa italiana, con citazione del nome di

Strang nei titoli, e anche con la sua foto in alcuni quotidiani. Nel diario

si parla di Strang anche nella nota del 9 giugno.

16 agosto 1939:

"perché io inviai da Cavaliere una reazione [sic!] in Germania dove

era dimostrato etc." invece di relazione.

INESATTEZZE

24 gennaio 1935:

La nota riporta la lista dei ministri e sottosegretari nominati il 24 gennaio

1935, ma ci sono numerose inesattezze:

Suvich era sottosegretario agli Esteri dal 20 luglio 1932

Buffarmi Guidi era sottosegretario agli Interni 1′ 8 maggiol933

Lessona era sottosegretario alle Colonie dal 12 settembre 1929

Baistrocchi era sottosegretario alla Guerra dal 22 luglio 1933

Cavagnari era sottosegretario alla Marina dal 6 giugno 1933

Valle era sottosegretario ali’Aeronautica dal 6 novembre 1933

Thaon de Revei non fu nominato sottosegretario ma ministro delle

Finanze (mentre il sottosegretario nominato il 24 gennaio era Bianchini,

non citato nel diario)

16 maggio 1935:

“Il 17 maggio del ’29 parlavo al popolo di Firenze (ho buona memoria)

II discorso era del 1930 (Opera Omnia, XXIV, pp.235-236)

30 agosto 1935

"Battaglione alpini Edolo comandato dal leggendario generale Sora"

Era il maggiore Gennaro Sora.

1 gennaio 1938;

"Sono giunto al 1938 al 29 agosto sono 55 anni che compio"

Mussolini era nato il 29 luglio 188

2 febbraio 1939:

"anzi del tutto innocuo è il ministro Solmi erudito giurista che mi

presenta la stesura del nuovo codice di procedura civile compiuto con la

collaborazione d’esperti della complessa materia. "

Si trattava del progetto, non del testo compiuto.

9 marzo 1939

"// 23 marzo sarà inaugurata la nuova Camera dei Fasci e delle

Corporazioni…i nuovi consiglieri nazionali (650 in numero totale)

sostituiscono i deputati. Difficile la scelta, numerosi gli aspiranti

[cancellato i candidati]."

In realtà non erano previsti "aspiranti" perché alla nuova

Camera appartenevano automaticamente, in qualità di consiglieri

nazionali, i gerarchi del partito e dirigenti delle corporazioni in funzione

della loro carica, e per tutta la durata di questa.

Le varie anomalie sopra segnalate potrebbero essere spiegabili con

l’ipotesi della "autenticità postuma", ma in tal caso ci si troverebbe di fronte

non solo ad un Mussolini plagiario, come nel caso della frequente

concordanza fra passi dei diari e articoli di giornale, ma anche di fronte ad

un Mussolini sgrammaticato, distratto, incongruente, smemorato, che cita a

memoria dati insignificanti ma omette frasi o sbaglia a scrivere nomi e date

importanti, compresa la sua stessa data di nascita.

Un’altra anomalia, più strana, è la nota del 18 dicembre 1937, dove è

scritto:

Un consigliere militare del Negus certo Konovaloff accusa un

giornale francese antifascista contro i comunisti rimasti in Italia, Si

rivolge alla morte di Gramsci che rimase pochissimo in carcere date

le sue condizioni di salute fu accolto in cliniche private. E’ morto di

malattia non assassinato come accade spesso a generali funzionari di

partito e altre personalità comuniste che quando dissentono vengono

eliminati senza complimenti come è lo stile imposto da Stalin.

Questa nota contiene diversi errori e incongruenze. Innanzi tutto, non

vi è nessuna relazione fra Konovaloff e la morte Gramsci; inoltre, il giornale

citato non era francese ma era pubblicato negli Stati Uniti. Ciò risulta da

due fonti edite, attribuite allo stesso Mussolini. Infatti, sul "Popolo d’Italia"

del 31 dicembre 1937, è pubblicato un articolo non firmato col titolo

"Konovaloff," dove è recensita con elogio l’edizione italiana del libro

dell’ex ufficiale zarista, che fu consigliere militare del Negus. Nello stesso

numero del " Popolo d’Italia", appare un’altra nota non firmata, intitolata

"Altarini", dove si parla del giornale antifascista di New York "L’Adunata

dei refrattari", che riferisce di rivelazioni sul comportamento di Gramsci in

carcere:

La figura di Gramsci – si legge nell’articolo – esce liquidata da queste

rivelazioni. I comunisti hanno tentato di fame una specie di "santo"

del comunismo, una vittima del fascismo, mentre la realtà è che

Gramsci, dopo un breve periodo di permanenza nel reclusorio, ebbe la

concessione di vivere in cliniche semiprivate o completamente private.

Ed è morto di malattia, non di piombo, come succede ai generali, ai

diplomatici, ai gerarchi comunisti, quando dissentono – anche un poco

– da Stalin, e come sarebbe accaduto al Gramsci stesso se fosse andato

a Mosca."

Va fatto rilevare, a questo proposito, che l’accostamento del nome di

Konovaloff al nome di Gramsci, e il riferimento ad un "giornale parigino

[grassetto mio] antifascista", si trovano anche in un passo della biografìa di

G.Pini e D. Susmel, Mussolini. L’uomo e L’opera, III, , Firenze 1955,

p.402:

"Pubblicò [Mussolini] poi la recensione a un libro nel quale l’ex

colonnello zarista Konovaloff, già consigliere militare del negus,

illustrava il valore dei combattenti italiani nella guerra d’Etiopia. In

un corsivo intitolato "Altarini", riportò certe accuse di un giornale

antifascista parigino contro dirigenti del comunismo clandestino in

Italia, e a proposito di Gramsci precisa che etc. [segue la citazione

sopra riportata]."

Un’altra discordanza di date riguarda un episodio narrato nel diario

del 16 luglio 193 8:

La mia scuola a Forlimpopoli. Quanti ricordi. Ora è un edifìcio

vecchio direi anche sporco – confortevole – rimane del passato tutto

quanto allora era negativo. Gli stessi insegnanti sono cenciosi

rivelano l’immagine di una categoria di poveretti che non devono

avere. Voglio che l’edificio della vecchia scuola sia rifatto e rimesso

al passo dei tempi. Gli stessi maestri è bene che rivestano panni

dignitosi. E tutti coloro che rivestono pubblici impieghi devono avere

un aspetto gradevole ordinato che incuta dignità [cancellato:

rispetto}.

Secondo le memorie di Rachele Mussolini la visita alla scuola di

Forlimpopoli, seguita dall’idea di far vestire l’uniforme agli insegnanti,

sarebbe avvenuta nel 1931:

Qualche mese dopo -era il 1° ottobre 1931 – Benito irruppe

nella mia stanza con un telegramma in mano e mi disse: "Diventiamo

vecchi, Rachele, siamo nonni ormai".[…j In una delle nostre visite

fatte in quell’anno in Romagna, perché Benito voleva sempre rendersi

conto delle necessità del suo paese, ci fermammo davanti alla sede

dell’istituto Magistrale di Forlimpopoli, dove mio marito aveva

compiuto parie dei suoi studi e si era diplomato maestro.(R.Mussolini,

La mia vita con Benito, Milano 1948, p.109)

Un’altra curiosa anomalia è nella nota del 22 settembre 1939 dove è

ripetuta due volte la stessa frase, qui evidenziata in grassetto:

I francesi si vantano dei famosi Somma da 22 tonn. Mitragliatrice e

cannone da 47 mm. Gli altri tipi pure fortemente corazzati. Gli altri

tipi pure fortemente corazzati. I Somma hanno una corazza da 40

mm.

Ci sono, infine, fra le varie anomalie di questi diari, due evidenti

anacronismi. Uno è nella nota del 12 settembre 1939 dove è scritto "I carri

armati sono di tré tonnellate contro le 40 dei Tigre", mentre i carri armati

tedeschi "Tigre" furono introdotti nel 1942.

Questo anacronismo, tuttavia, potrebbe essere spiegabile con l’ipotesi

della "autenticità postuma": cioè immaginando che Mussolini, scrivendo o

riscrivendo concitatamente i suoi diari dopo il 1942, avrebbe potuto

retrodatare per distrazione l’adozione dei carri armati Tigre.

L’altro caso di anacronismo è nella nota dell’11 ottobre 1936, e si

riferisce ad un colloquio di Mussolini con Ottavio Dinale, figura che viene

varie volte citata in questi diari come intimo amico del duce:

La domenica è un giorno di quiete […] Tuttavia viene un amico [….]

Bene, ecco l’amico, le sue polemiche e il tema della discussione. Una

mia recente lettura il volume "Chataubriand"[sìc\] di André Maurois.

L’amico è Dinale, l’intramontabile sapiente.

Questa nota del diario corrisponde a quanto scritto dallo stesso

Dinale, il quale così ha ricordato il suo colloquio col duce a proposito del

libro di Maurois:

Una bella domenica Mussolini mi mandò a chiamare, era l’ottobrata

romana. Era già primo Maresciallo dell’Impero.[…] La domenica

doveva essere una giornata tranquilla e serena. Hai letto il

recentissimo volume "Chataubriand" [sìc\’\, di André Maurois?-

Guarda combinazione, l’ho letto in questi giorni. (O. Dinale, Quaranta

anni di colloqui con lui, Roma 1953, pp. 149).

La concordanza del ricordo di Dinale con il testo del diario potrebbe

essere considerata un elemento probante a favore della sua autenticità, ma

la data del colloquio, riportata nel diario, è errata. Infatti, il colloquio,

secondo il ricordo di Dinale, sarebbe avvenuto non nell’ottobre 1936, come

scritto nel diario, bensì nell’ottobre 1938, come risulta sia dal riferimento al

grado di Primo Maresciallo dell’Impero, istituito nel 1938, sia dalla

citazione del libro di Maurois su Chateaubriand, pubblicato nel 1938.

Anche in questo caso, l’anacronismo potrebbe essere spiegato con

l’ipotesi della "autenticità postuma". Ma questa ipotesi non spiegherebbe

una singolare coincidenza fra il testo del diario e il testo di Dinale, cioè

l’identico errore di trascrizione del nome di Chateaubriand, che in entrambi

i testi è scritto "Chataubriand".

Da questa coincidenza può nascere un’altra ipotesi: cioè, che il libro

di Dinale potrebbe essere una delle fonti usate dall’autore dei diari, il quale,

confondendo la data della proclamazione dell’impero (1936) con la data del

Primo Maresciallo dell’impero (1938), avrebbe annotato per errore il

colloquio sotto la data dell’11 ottobre 1936, lasciando immutata l’errata

trascrizione del nome dello scrittore francese.

In conclusione, in seguito ai risultati della mia indagine, sulla base

degli esempi e degli argomenti esposti – e in mancanza di altre

inconfutabili o più convincenti prove della effettiva autenticità dei diari

contenuti in queste agende – a mio avviso permangano fondati motivi per

dubitare che il loro autore sia stato Benito Mussolini,

Roma, 30 gennaio 2005

EMILIO GENTILE

,