Menu 2

Messico: nel paese dell’impunità migliaia di donne in galera per avere abortito

manifestante_derecho-387x310 Alma Yarelí ha fatto tre anni di carcere prima di essere liberata quando finalmente un giudice ha creduto che il suo fosse stato un aborto spontaneo. Se non fosse stato così, in un Messico dove per il 90% degli omicidi non si apre neanche un’inchiesta, avrebbe scontato per intero i 27 anni e sei mesi ai quali era stata condannata per omicidio volontario con l’aggravante della relazione familiare con la vittima.

Dopo di lei restano in galera nel solo stato di Guanajuato altre 166 donne (migliaia in tutto il Messico), tutte povere e spesso analfabete, alcune con condanna definitiva fino a 35 anni di carcere.

Leggi tutto in esclusiva su Latinoamerica.

,

Trackbacks/Pingbacks

  1. Da Portici alla Virginia alla Colombia: giustizia (mediatica) è fatta : Gennaro Carotenuto – Giornalismo partecipativo - 20 Mag 2012

    […] l’unico in Italia a denunciare, qui e ai microfoni di Radio3 Rai, il caso delle povere donne del Guanajuato, indigene, contadine, analfabete, condannate da una mostruosità giuridica anche a 30 anni di […]

Lascia un commento