Menu 2

Dopo quasi otto anni Telefónica spagnola rinuncia ad aggredire l’Argentina

caminito1 È durata otto anni la battaglia di Telefónica (la compagnia telefonica spagnola) e di una cinquantina di multinazionali contro il governo argentino reo di aver ripreso in mano la propria sovranità monetaria dopo il default di fine 2002. Per otto anni hanno quasi sempre perso in qualunque consesso internazionale e ieri la multinazionale iberica ha rinunciato a pretendere tre miliardi di dollari da Buenos Aires, oltre la metà del totale delle cause tuttora pendenti per la cosiddetta pesificazione dell’economia argentina.

In realtà la storia è quella della fine della dollarizzazione dell’Argentina e del ritorno alla sovranità del paese australe. Per oltre un decennio l’Argentina allievo modello dell’FMI aveva mantenuto la parità con il dollaro portando sul lastrico milioni di persone e obbligandole a pagare in dollari i servizi privatizzati, luce, acqua, gas, telefono. Così le multinazionali facevano guadagni favolosi e a Buenos Aires nel 2001 una telefonata urbana costava dieci volte quanto costava a Madrid.

Leggi tutto in esclusiva su Latinoamerica.

, , , , , , , , , ,