Menu 2

L’UNESCO dichiara l’Ecuador libero dall’analfabetismo

L’UNESCO dichiara l’Ecuador paese libero dall’alfabetismo.
Grazie al sistema educativo cubano "Yo si puedo".

La rinascita dell’America Latina si manifesta anche attraverso la conquista dei più elementari diritti negati dalle “democrazie oligarchiche che hanno comandato fino a qualche decennio fa il continente sudamericano.

L’8 settembre 2009 nasce la felicità, l’immaginazione, la creatività e la solidarietà per centinaia di migliaia di persone del continente del socialismo del “Siglo XXI”. L’Ecuador viene dichiarata Patria Alfabetizzata dall’UNESCO e la Bolivia comincia la seconda tappa del programma d’alfabetismo dopo essersi liberata da questa piaga sociale lo scorso dicembre 2008. Due Ministri dell’Educazione protagonisti ed uniti in due capitali del continente, La Paz e Quito, sotto un unico slogan “Nosotros si podemos”.

Uno slogan che scimmiotta quello relativo al sistema educativo cubano “Yo si Puedo” che dal 1999 in 27 paesi del mondo ha già alfabetizzato quasi 4 milioni di persone.

Il primo esperimento fu datato 1999 nel Paese più povero dell’America Latina ossia Haiti. Grazie a questo sistema 150 mila haitiani riuscirono per la prima volta a leggere e a scrivere ma il Paese non fu del tutto “bonificato”. Nel 2003 tocca al Venezuela del Presidente Hugo Chávez a sperimentare “Yo si Puedo” e dopo due anni venne dichiarato il secondo paese libero dall’analfabetismo dopo Cuba. Nel dicembre 2008 la Bolivia diviene il terzo Paese libero dall’alfabetismo dopo due anni di attuazione del sistema educativo cubano. In data 8 settembre 2009 tocca all’Ecuador dichiarare al mondo intero “Patria Alfabetizzata”.

Nel giorno dell’inaugurazione del nuovo anno accademico 2009 – 2010, l’Ecuador è stato dichiarato dall’Unesco Paese libero dall’analfabetismo.

A ritornare sui banchi di scuola, oggi 8 settembre 2009, c’erano 1.641.574 giovani studenti e oltre 90 mila docenti della Sierra e dell’Amazonia. Ad inaugurare il nuovo anno scolastico, quest’anno, c’è stato il Vice – Presidente della Repubblica Lenin Moreno Garcés che ha dichiarato nel patio dell’Istituto Leopoldo Chávez: ““l’educazione dev’essere cementata nei valori della felicità, dell’immaginazione, della creatività e della solidarietà. Il Governo della Rivoluzione cittadina è grata per l’amore e per la professione profusa dai maestri del Paese ed i genitori devono essere partecipi e coinvolti nella formazione dei loro figli”

A questa inaugurazione non ha potuto partecipare il Presidente della Repubblica dell’Ecuador Rafael Correa perché impegnato in un altro cerimoniale ufficiale di notevole importanza per il Paese, ossia il riconoscimento di Patria Alfabetizzata da parte dell’UNESCO.

Alla cerimonia, tenutasi presso lo stadio Jocay di Manta ha partecipato, inoltre, la Direttrice Nazionale di Educazione Popolare e Permanente del Ministero dell’Educazione Mery Gavilanes che ha dichiarato a Radio Ecuador “Oggi è un giorno storico per il nostro Paese, abbiamo raggiunto un risultato grandioso. Quando cominciammo due anni fa in alcune province del Paese come Chimborazo, Cotopaxi, Bolivar e Manabi la percentuale d’alfabetismo era mediamente del 19%. Siamo passati in due anni da un tasso d’alfabetismo del 9,3% a livello nazionale al 2,7%. Con il metodo cubano YO SI PUEDO abbiamo alfabetizzato circa 500 mila persone. Continueremo fino a cancellare del tutto questa piaga che colpiva parte della nostra popolazione. Il programma andrà avanti fino al 2012”

Questo risultato storico si è realizzato grazie alla realizzazione di un programma d’alfabetismo nazionale sviluppatosi con differenti sottoprogrammi rivolti a diverse platee dell’intera popolazione, tra i quali:

Il primo denominato “Manuela Sàenz” rivolto alla popolazione meticcia, il secondo denominato “Dolores Cacuango” rivolto alle popolazioni indigene e contadine, il terzo denominato “Voluntad” rivolto alla popolazione carceraria, il quarto “Capacidades diferentes” rivolto a persone disabili.

Le persone alfabetizzate sono state 420.888 distribuite nelle varie regioni del Paese. Nella Sierra, nell’Oriente, nelle Isole Galàpagos e sulla Costa sono state alfabetizzate 383.996 persone di cui

la maggior parte appartenenti alla categoria meticcia della popolazione. Mentre 36.890 persone appartenengono alla categoria indigena del Paese.

I programmi si suddividono in 4 moduli d’insegnamento nei quali il partecipante inizia ad imparare le vocali sino alla comprensione di testi e letture intorno a tematiche naturali e culturali.

Ancor prima di cominciare gli studenti devono sostenere una prova d’ubicazione utile al collocamento del modulo d’insegnamento. Nel primo modulo s’imparano i diritti principali, nel secondo modulo quelli relativi al lavoro, nel terzo si tratta di salute ed ambiente ed infine nel quarto ed ultimo di cultura generale.
di Davide Matrone

, , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento